Notizie su mercato immobiliare ed economia

Isolamento termico e acustico, 7 regole d'oro per ristrutturare casa

la campagna isolando
Autore: Redazione

Le spese di riscaldamento non sono per nulla secondarie nei bilanci domestici, eppure ancora in pochi si preoccupano dell'isolamento dell'abitazione. Inoltre, con le detrazioni sulle ristrutturazioni per il risparmio energetico, è un ottimo momento per pensarci. Vi presentiamo le 7 regole d'oro per risparmiare sui consumi di una casa fino all'80%

I consigli sono stati elaborati dalla campagna isolando, patrocinata da legambiente, che punta a sensibilizzare la società civile sull'isolamente degli edifici, come strumento principale per il risparmio energetico

1. La diagnosi energetica

Per prima cosa occorre fare una diagnosi energetica che consenta di fotografare lo stato di pareti esterne, finestre, tetto e individuare eventuali dispersioni e sprechi di calore (infiltrazioni, spifferi. Ecc)

2. A chi rivolgersi

È fondamentale rivolgersi a professionisti specializzati, come architetti, ingegneri, geometri e periti termotecnici. Una volta ottenuto un progetto di ristrutturazione si potranno valutare i costi e i benefici

3. Chi esegue i lavori

Una ditta installatrice abilitata e regolarmente iscritta alla camera di commercio, che usi materiali di qualità dotati delle marcature ce, obbligatorie per i prodotti isolanti utilizzati per l'edilizia

4. I documenti che devono essere rilasciati

Alla fine dei lavori il professionista deve rilasciare l'attestato di certificazione energetica, che rispetti le normative vigenti (vedi notizia). Ricordiamo inoltre che la certificazione è obbligatoria a partire dal 1º luglio 2009, in caso di compravendita, e dal 1º luglio 2010, in caso di locazione, a seconda delle leggi regionali. L'attestato ha una validità di 10 anni e, in Lombardia, è già obbligatorio indicarlo anche negli annunci immobiliari (vedi cosa succede regione per regione). Inoltre il professionista deve rilasciare una scheda tecnica dei lavori

5. Gli incentivi fiscali

Per ottenere gli incentivi fiscali , confermati anche per il 2011, del 55%, è necessario rivolgersi all'enea, l'agenzia nazionale per l'energia, ambiente e sviluppo sostenibile

6. Convivere con i lavori

I lavori di isolamento esterno non comportano nessun tipo di interferenza con la vita quotidiana. Quando si passa all'isolamento interno bisogna ovviamente prendere alcune precauzioni, non diverse da quelle che si prendono per la tinteggiatura delle pareti

7. Autonomia dei lavori

Sempre a patto che il progetto sia stato fatto da un esperto, i piccoli interventi si possono anche eseguire autonomamente. Ma quest'opzione non si consiglia per i lavori più importanti, anche perché si perderebbe diritto agli incentivi fiscali, che scattano solo quando si può emettere una fattura con i costi di manodopera

Pubblicità:

Ottieni subito il tuo Ape con idealista

Richiedilo subito e in meno di 24h lavorative un nostro tecnico ti chiamerà per fissare un appuntamento e visitare il tuo immobile. In 48h lavorative dalla visita riceverai il tuo attestato di prestazione energetica. Sicuro, facile e veloce!

Richiedi la certificazione energetica

Articolo visto su
(Help consumatori)