Notizie su mercato immobiliare ed economia

Animali, riscaldamento e quorum: la riforma del condominio è legge

foto: snowbear (morguefile.com cc)
Autore: Redazione

Dopo 70 anni cambia la legge che determina la gestione della vita condominiale. Con l'approvazione del senato è infatti diventata realtà la riforma del condominio, la cui versione precedente risaliva addirittura al 1942. Ecco le novità che scatteranno sui temi come la presenza di animali domestici, il riscaldamento e le decisioni in assemblea

Animali domestici

Cade qualunque divieto di tenere animali domestici in casa, una misura che viene incontro ai cambiamenti degli italiani, che sempre più convivono con cani, gatti o altri nuovi "componenti" della famiglia

Parti comuni

Basterà la maggioranza dei 4/5 dei condomini, con 4/5 dei millesimi, per modificare la destinazione d'uso delle parti comuni, decidendone anche la vendita

Riscaldamento

Chi vorrà staccarsi dal riscaldamento centralizzato potrà farlo senza chiedere il permesso all'assemblea, ma dovrà continuare a pagare la manutenzione straordinaria

Energie rinnovabili e videosorveglianza

Sarà sufficiente la metà dei millesimi per deliberare l'installazione di impianti per la produzione di energia eolica, solare o rinnovabile. Stesso quorum per la videosorveglianza

Conto corrente di condominio

La maggior parte dei condomini già ce l'hanno, ma adesso diventa obbligatorio, per rendere più trasparente ciascuna spesa. Dev'essere consultabile da ogni condomino

Morosità e violazioni

Le violazioni del regolamento costeranno 200 euro di multa, che in caso di recidiva arriveranno a 800. Contro i morosi l'amministratore potrà intervenire direttamente con decreto ingiuntivo

Amministratore

Dovrà esibire alcuni requisiti come: avere il diploma di maturità, aver frequentato un corso apposito o accendere una polizza a tutela dei rischi. La nomina di un amministratore è obbligatoria se il condominio è composto da almeno nove condomini. Resterà in carica due anni e potrà essere licenziato alla scadenza del mandato

Bilanci

Ciascun condomino potrà visionarli liberamente

Sito web

Può deciderne la creazione il 50% dei millesimi. Il sito dovrà essere protetto da password con accesso individuale e permettere la consultazione di verbali e fatture