Notizie su mercato immobiliare ed economia

La riforma dell'imu, chi paga a giugno e chi sospende la rata

Autore: Redazione

Il primo consiglio dei ministri del governo letta non ha deluso le attese ma lascia alcuni interrogativi aperti. La sospensione della prima rata di giugno per la prima casa, con esclusione delle case di lusso, per il momento non è altro che un rimandare al 16 settembre il problema delle coperture. Ecco chi sospende per il momento il pagamento e quali sono gli scenari possibili

Quelli che non pagano 

La rata di giugno è sospesa fino al 16 settembre per la prima abitazione, i terreni e i fabbricati agricoli, le abitazioni di edilizia sociale, ossia quelle degli istituti autonomi per le case popolari e quelle delle cooperative a proprietà indivisa. Non pagheranno inoltre le villette classificate dal catasto come classe a7   

Secondo il servizio politiche territoriali della uil saranno esentati dalla prima rata 17,8 milioni di proprietari

Quelli che pagano 

Anche si tratta della prima abitazione, il decreto stabilisce che la rata di giugno andrà comunque versata entro il 17 da chi possiede una casa di tipo signorile (classificata dal catasto a1) o da chi abita in ville (a8) o in palazzi storici e castelli (a9)

I proprietari di seconde abitazioni (e terze, quarte, ecc.) entro il 16 giugno dovranno pagare la prima rata pari al 50% dell’intero importo. Il saldo, come lo scorso anno, si pagherà a dicembre, sempre che nel frattempo non arrivi, entro il 31 agosto, la riforma fiscale della proprietà immobiliare

Quelli che hanno già pagato e adesso devono chiedere la restituzione

Si paga come l'anno scorso?

La prima rata di giugno corrisponde al 50% del totale del 2012 (prima rata più conguaglio di dicembre)

Per la seconda rata dipende dai comuni. Per qualcuno la rata sarà maggiorata rispetto a quanto versato lo scorso anno. Infatti poiché il decreto fa riferimento alle norme del “salva Italia”, in quei comuni dove sono state deliberate le nuove aliquote del 2013 e le stesse siano state pubblicate entro il 16 maggio sui siti comunali il calcolo andrà fatto su queste e non sulle vecchie aliquote. Alcuni comuni hanno già aumentato le aliquote e quindi sarà necessario a dicembre rifare il calcolo imu

Commercianti, artigiani e imprenditori

A giugno pagano la prima rata imu. La prima rata è infatti dovuta oltre che da tutti i proprietari di seconde case, anche da imprenditori, commercianti e artigiani per i loro immobili a uso produttivo, classificati c1, c2, c3. Pagano anche gli opifici classificati d1 

Per le imprese l’imu potrebbe essere deducibile

Per il momento si tratta di una promessa, tutta da verificare. Per gli immobili a uso produttivo di imprenditori, artigiani e commercianti la riforma dovrebbe prevedere la deducibilità dalle imposte dirette, ossia irpef e ires, dell’imu versata. Un vantaggio che secondo la cgia di mestre sarebbe in media di 3.300 euro a immobile

Sembra che la priorità sarà data alle imprese, a cui verrà garantita la deduzione fiscale dell’imu pagata sui capannoni; il governo è disposto a garantire uno sconto sull’ires, confindustria chiede che quanto pagato per quegli immobili possa essere usato per abbattere anche l’irap. Non è invece chiaro se lo sconto a cui ha fatto cenno letta varrà anche per i negozi, visto che confcommercio e confesercenti hanno già fatto sapere che non accetteranno alcun tipo di discriminazione

Cantine e garage

Per le pertinenze il decreto prevede che se appartengono alla prima casa vale la sospensione. Se invece sono parte di una abitazione secondaria scatta la rata di giugno dell’imu. Il decreto fa riferimento al decreto 201 del 2011, il “salva Italia”, dove si specificano le norme per le pertinenze prima abitazione: se si hanno due “pertinenze” dello stesso tipo solo su una non si versa l’imu. Questo vuol dire che se si ha una cantina e un posto auto entrambe nella prima casa non si paga nulla poiché appartengono a categorie diverse. Ma se si hanno due posti auto su uno dei due, quello di minor valore, la prima rata dell’imu va comunque versata

Mettiti alla prova: rispondi al questionario che verifica la tua preparazione sull'imu

La riforma entro settembre

Se entro il 31 agosto non sarà stata varata la nuova tassa unica comunale scatta la “clausola di salvaguardia”: chi non ha pagato a giugno verserà il 50% dell’imposta entro il 16 settembre. Sulle seconde case si pagherà direttamente la seconda rata a dicembre

Le ipotesi allo studio

L'imu dovrebbe cambiare nome e trasformarsi in “tassa ics”, imposta casa e servizi, che ricomprenderebbe imu, tares, imposta di registro e addizionale comunale irpef. Sulla parte casa verrebbero esentati i redditi isee più modesti e le quota per rifiuti e servizi comunali sarebbe dovuta anche dagli affittuari

Patrimoniale immobiliare

Resta in piedi l'ipotesi patrimoniale dell’1,5% per chi possiede immobili di valore catastale superiore a un milione e mezzo di euro. Dovrebbe inoltre scattare un'imu progressiva, con una stangata per chi possiede da 3 immobili in su

Le altre riforme

Approvata la proroga del bonus casa, con detrazioni del 65% per la riqualificazione energetica