Notizie su mercato immobiliare ed economia

Compravendita casa, ecco come sono cambiate le imposte sulla prima e sulla seconda abitazione

le modifiche introdotte a partire dal 1 gennaio 2014
Autore: Redazione

Il 2014 ha portato con sé una piccola grande rivoluzione per quanto riguarda la tassazione indiretta sulla compravendita immobiliare. Le novità riguardano le imposte di registro e catastali, che in generale sono ridotte rispetto al carico che gravava prima sugli acquirenti. Ma vediamo nel dettaglio tutte le modifiche

Prima casa

Acquisto da privato

Imposta di registro: 2%

Imposta catastale fissa: 50 euro

Imposta ipotecaria fissa: 50 euro

Prima casa

Acquisto da impresa costruttrice (o di ristrutturazione) quando i lavori sono stati completati da un massimo di cinque anni

Iva: 4%

Imposta di registro fissa: 200 euro

Imposta catastale fissa: 200 euro

Imposta ipotecaria fissa: 200 euro

Acquisto da impresa costruttrice quando i lavori sono stati ultimati da più di cinque anni o se si acquista da un'impresa non costruttrice che si occupa solo della compravendita

Iva: esenzione

Imposta di registro: 2%

Imposta catastale fissa: 200 euro

Imposta ipotecaria: 200 euro

 

Seconda casa

Acquisto da un privato, da un'impresa non costruttrice o da un'impresa costruttrice cinque anni dopo la fine dei lavori

Imposta di registro: 9%

Imposta catastale fissa: 50 euro

Imposta ipotecaria fissa: 50 euro

Acquisto da un'impresa costruttrice entro 5 anni dalla fine dei lavori

Iva: 10%

Imposta di registro fissa: 200 euro

Imposta catastale fissa: 200 euro

Imposta ipotecaria fissa: 200 euro