Notizie su mercato immobiliare ed economia

Decreto sblocca-Italia: la stabilizzazione dell'ecobonus dal 2015 e gli altri punti che favoriranno il mattone

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il presidente del consiglio dei ministri Matteo renzi ha presentato i dieci punti del decreto sblocca Italia, che contiene anche importanti novità per il comparto edilizio, tra cui la stabilizzazione dell'eco bonus a partire dal 2015. Ma vediamo i dieci punti nel dettaglio

1) sblocca edilizia

Ecobonus: dal 2015 verranno stabilizzate le detrazioni fiscali per gli interventi di efficientamento energetico e adeguamento antisismico

Nuove misure per dare certezza sui tempi di esecuzione degli interventi edilizi.

Sgravi fiscali per gli investimenti in abitazioni in locazione.

Agevolazioni fiscali per le permute immobiliari che prevedono l’acquisto di immobili ad alto rendimento energetico.

2) sblocca cantieri

Le grandi opere già finanziate, ma ferme, saranno sbloccate. Saranno attivate risorse per 30mld di euro (57% da risorse private pari a 17 miliardi). 95 mila nuovi posti di lavoro per un totale di 348 mila posti di lavoro

3) sblocca comuni

Piccoli comuni: 2mila interventi per un valore complessivo di 1300milioni (come prima fase).

Autostrade: investimenti aggiuntivi per oltre 10 miliardi e contenimento dei pedaggi autostradali.

Manutenzione di strade e ferrovie: interventi per la messa in sicurezza pari a 1miliardo per un totale di 12mila posti di lavoro.

4) sblocca reti

Banda larga e ultralarga: facilitazioni e semplificazioni per la posa in opera di reti e misure di agevolazione fiscale per interventi infrastrutturali da parte dei privati nelle aree cosiddette “bianche”, ovvero fuori mercato

5) sblocca porti

6) sblocca dissesto

Opere antidissesto idrogeologico: 570 cantieri per un valore di 650 milioni di euro.

Opere idriche: entro il 2014 verranno aperti 104 cantieri per un valore di 480 milioni di euro

Società pubbliche: riduzione e aggregazione, affidamenti dei servizi nel rispetto delle norme ue e introduzione di poteri sostitutivi in caso di inerzia.

7) sblocca burocrazia

Saranno investiti 6 miliardi per la defiscalizzazione, bancabilità dei progetti, contratti di partenariato pubblico-privato.

Riforma del codice dei contratti pubblici attraverso delega legislativa.

Potenziamento operatività di cassa depositi e prestiti a supporto dell’economia.

Semplificazione delle procedure e responsabilità per l’utilizzo delle risorse europee (110 miliardi in sette anni 2014-2020).

8) sblocca export

Piano straordinario per l’internazionalizzazione delle imprese e l’attrazione di investimenti esteri in Italia attraverso:

- Potenziamento grandi eventi

- Voucher temporary export manager

- Piattaforma e-commerce per le pmi

- Valorizzazione del settore agroalimentare in vista di expo 2015.

9) sblocca bagnoli

Nuovo modello di governance territoriale per le aree di crisi industriale per attrarre investimenti e per gli interventi di bonifica e valorizzazione ambientale.

Nuovo iter semplificato per la cessione di immobili del demanio attraverso percorsi concertati con i comuni.

10) sblocca energia

Per sviluppare le risorse geotermiche, petrolifere e di gas naturale il progetto prevede investimenti privati nazionali e internazionali per oltre 17 miliardi di euro, con un effetto sull’occupazione di 100mila unità e un risparmio in bolletta energetica per 200 miliardi in 20 anni