Notizie su mercato immobiliare ed economia

Nel 2014 frena la caduta del mattone capitolino: -1,9% rispetto a un anno fa

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Secondo l’ultimo rapporto sull andamento dei prezzi delle abitazioni di seconda mano di idealista.it, Roma chiude il 2014 con una variazione interannuale negativa dell’1,9% che fissa il prezzo al metro quadro nella capitale a 3.672 euro

Il mattone romano ha rallentato la velocità di caduta rispetto al consuntivo del 2013 (quando i prezzi erano calati del 7,1%), per la sostanziale tenuta delle zone di maggior pregio. Lo testimoniano i saggi positivi di Cassia-Flaminia (5,8%) o dell’Olgiata (3,8%), del centro storico (2,2%) e dei Parioli (1,4%), le zone al top dei valori cittadini rispettivamente con 6.832 euro/m² E 5.492 euro/m²

In tutte le altre macroaree monitorate i prezzi sono ancora in discesa: casalotti-selva nera-valle santa (-12,7%) con un calo a due cifre guida la graduatoria dei ribassi cittadini;
10 zone della capitale sperimentano ribassi superiori al cinque per cento, con i picchi maggiori in monte sacro (-8,1%), casilino-centocelle (-8%) e Roma est-autostrade (-7,6%), quest’ultimo è il quartiere con i prezzi più bassi a livello cittadino con 2.350 euro/m²;  

5 i quartieri che vedono contrazioni oscillanti tra i 4,7% di cinecittà e il 2,4% di trionfale-monte mario; le uniche aree che registrano ribassi sotto la media del periodo sono eur-torrino-cecchignola (-1,1%), trigoria-castel leva (-0,5%) e lavaro-prima porta (-0,4%)


 

I prezzi nella provincia di Roma fanno segnare un calo medio pari allo 0,8% negli ultimi 12 mesi, fino a toccare una media di 3.098 euro al metro quadro

Dei 21 comuni rilevati in questo rapporto, solo velletri (4,4%) archivia il 2014 in con valori in salita. All’opposto, valori in discesa libera a marino (-11,5%), nettuno (-11,1%) e ardea (-10,6%) fino alle deboli correzioni di monterotondo (-1,1%) e ladispoli (-0,4%).
Alle porte di Roma il centro con i prezzi più elevati è grottaferrata con 3.001 euro/m², Il più economico colleferro con 1.341 euro al metro quadro

Il resto delle province laziali oscillano tra il profondo rosso Rieti (-13,3%) e Frosinone (-11,1%) e i valori in timida ripresa di Latina (0,6%) e di Viterbo (1,8%)

Nelle città capoluogo, quotazioni in ribasso a Rieti (1.425 euro/m²;-7,3%) e Latina (1.971 euro/m²; -4,3%), Frosinone invece ha chiuso l’ultimo trimestre in saldo positivo; +3,2%  a 1.507 euro al metro quadro. Non rilevabile Viterbo

Per Vincenzo de Tommaso, responsabile ufficio studi idealista.it: “mentre nella capitale assistiamo a un mercato a due velocità, con zone che reggono meglio perché caratterizzate da un’offerta qualitativamente migliore, e zone dove il trend ribassista è ancora pienamente in atto; nel resto della regione e nei piccoli centri il calo dei prezzi non si è ancora riassorbito. Sono dinamiche destinate a riproporsi ancora per tutto il 2015”