Notizie su mercato immobiliare ed economia

Puglia, prezzi delle case su dello 0,2% nel terzo trimestre 2017

Bari / Wikimedia commons
Bari / Wikimedia commons
Autore: Redazione

Il valore delle abitazioni esistenti in Puglia è in lieve rialzo dopo i mesi estivi, con un incremento dello 0,2% che fissa il prezzo medio regionale a 1.253 euro/m². Rispetto allo stesso periodo dell’anno il mattone pugliese accusa comunque una correzione negativa del 3,6%, secondo i dati del marketplace immobiliare idealista. Il mercato pugliese ha invertito la tendenza nel terzo trimestre a dispetto di un andamento nazionale che registra invece un calo dell’1,7%.

Province

Le province oscillano tra due opposte tendenze: Barletta-Andria-Trani (-2,5%), Foggia (-2%) e Taranto (-1%) calano; rivalutazioni a Lecce (1,8%), Bari (1,3%) e Brindisi (0,3%).

I metri quadri più cari si trovano in provincia di Bari (1.595 euro/m²), seguita da Barletta-Andria-Trani (1.428 euro/m²). La più economica è Taranto con 997 euro/ m², l’unica macro area sotto la media dei mille euro al metro quadro.

Capoluoghi

Nei principali centri si assiste a una progressiva stabilizzazione dei prezzi.
A eccezione di Trani (-8,1%), che registra un forte calo, seguono le diminuzioni decisamente meno drastiche di Foggia (-1,5%), Brindisi (-0,7%) e Taranto (-0,6%).  All’opposto c’è il ritorno in terreno positivo di Bari (1%) e l’andamento piatto di Lecce e Barletta entrambe 0,1% nell’ultimo trimestre.

Tra i grandi mercati pugliesi Bari domina la graduatoria dei metri quadri più cari con i suoi 1.783 euro al metro quadro, seguita da Trani 1.557 euro/m² e Barletta 1.445 euro/m² e Andria 1.442 euro/m². La più economica è Taranto con 960 euro/m².

Sul tetto dei valori regionali troviamo Otranto (2.064 euro/m²), l’unico tra i comuni pugliesi rilevati a superare una valutazione di 2mila euro al metro quadro.
Il centro ha visto i prezzi lievitare di oltre il 10% nel periodo di analisi, un incremento a due cifre dovuto all’appeal turistico della località salentina.

Il trend nazionale del terzo trimestre

I prezzi delle case, in Italia, segnano un decremento dell’1,7% dopo i mesi estivi. Secondo i dati del marketplace immobiliare idealista, si tratta della peggiore performance registrata quest’anno, in virtù della quale il valore degli immobili scende fino a una media di 1.818 euro al metro quadro. Il trend negativo dei valori immobiliari investe quasi tutte le regioni italiane a eccezione di Sardegna (0,6%), Liguria (0,4%) e Puglia (0,2%).