Notizie su mercato immobiliare ed economia

Comprare casa a Milano: i costi zona per zona e le previsioni 2020

Secondo la Camera di Commercio si rivalutano tutte le tipologie immobiliari

milano
comprare casa a milano nel 2020 / Gtres
Autore: Redazione

Milano si conferma l’eccezione immobiliare d’Italia, con prezzi sempre in crescita nel 2019 per tutte le tipologie di edifici. I dati della Camera di Commercio.

Prezzi case a Milano, trend e previsioni 2020

Oltre cinquemila euro al metro quadro è la media 2019 dei prezzi immobiliari milanesi: un +2,6% medio annuo e un +1,4% semestrale, trainato dal nuovo skyline che spinge gli investimenti sul capoluogo lombardo. Un aumento che non interessa solo le tipologie immobiliari di nuova costruzione, ma coinvolge anche le soluzioni ristrutturate e perfino quelle obsolete, che traggono valore dai progetti di riqualificazione già in programma.

Ha dichiarato Vincenzo Albanese, presidente di FIMAA Milano Lodi Monza e Brianza (Confcommercio Milano) e vice presidente di Confcommercio Milano: “A inizio anno credo sia sempre interessante fare un bilancio e definire i possibili trend per i prossimi 12 mesi. Per il residenziale certamente possiamo considerare il 2019 come un anno particolarmente positivo per Milano, sebbene la riduzione dello stock in vendita, che cala annualmente del 20%, fa ipotizzare che l’incremento di valori non si fermerà a breve. Sul fronte nazionale, nel 2019 il residenziale ha registrato una crescita sia a livello di prezzi sia per numero di compravendite, nel 2020 ci aspettiamo una situazione di crescita stabile. Una notizia positiva è che anche i mercati delle grandi città nel 2019 hanno dimostrato dinamicità, e per il 2020 prevediamo in questi centri un consolidamento dei volumi e la stabilizzazione dei prezzi. Dal 2020 non ci attendiamo quindi miracoli, ma uno scenario di crescita costante e moderata, che coinvolga tutto il territorio, con una punta di eccellenza nella città di Milano”.

I prezzi delle case a Milano zona per zona

In breve la situazione - tratteggiata dal rapporto “Rilevazione dei prezzi degli Immobili della Città Metropolitana di Milano” sul secondo semestre 2019, realizzato dalla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi dalla Camera di Commercio - è questa.

Nello specifico, alcune zone si distinguono per maggiore appeal, con la zona Repubblica-Porta Nuova che si è aggiudicata un +5% semestrale superando la zona Venezia-Monforte. La zona più cara resta Spiga - Montenapoleone e Vittorio Emanuele - S. Babila, rispettivamente 12.900 e 12.750 euro al mq, mentre le più economiche sono Salomone Bonfadini, Baggio, Quinto Romano, Ronchetto, dove bastano 2.600 euro al mq.

Si valorizza ancor più del nuovo l’appartamento da ristrutturare, + 2,5% in sei mesi, che arriva a 3.132 euro al mq nella media cittadina. A metà si colloca quello ristrutturato, con 4.111 euro al mq. Salgono anche gli affitti di monolocali e bilocali, + 5 - 6%, soprattutto nelle zone centrali, anche per la crescita degli affitti turistici.

Il centro vale il doppio, ma cresce la zona sud, 10.272 euro al mq, le aree a ovest e nord sono in linea con la media della città, rispettivamente con 5.159 e 5.086 euro al mq. Calano i prezzi ad est, 4.579 e a sud, 3.891. A crescere di più per gli appartamenti nuovi è però il settore sud, +1,6% in sei mesi, seguito dalle zone a ovest e nord, + 1,4%. Più lenti il settore est e il centro con +0,9% e + 0,7%. Il centro guida la crescita degli appartamenti d’epoca ristrutturati, +1,6% in sei mesi mentre cresce il mercato degli appartamenti vecchi da ristrutturare nell’area ovest della città, + 3%.

Al top delle zone emergenti per crescita dei prezzi vediamo Ripamonti – Vigentino, circa 3 mila euro al mq, + 7,5% in sei mesi, a fronte di un + 2% per case d’epoca o vecchie da ristrutturare. Cresce invece come scelta di vivibilità tutta la zona Tribunale – Cinque Giornate, +5,7% per il nuovo in sei mesi, circa 7 mila euro al mq, con +5% per la casa d’epoca a circa 5 mila euro al mq e + 3,8% per le case vecchie da ristrutturare, circa 4 mila euro al mq. L’altra zona che vede crescere le preferenze è Repubblica – Porta Nuova, + 5% in sei mesi per il nuovo, quasi 10 mila euro al mq e +5% anche per le case vecchie da ristrutturare che valgono 5 mila euro al mq.

Tra le zone periferiche si impenna anche Greco a nord della città con case nuove a circa 3 mila euro al mq, +5% in sei mesi e case d’epoca a 2.500 euro al mq circa, + 5,4%. Tra chi guida la crescita anche Turro e Precotto, +5% per il nuovo a oltre 3 mila euro al mq e +3% per la casa d’epoca o vecchia da ristrutturare, che vale poco meno. Ai primi posti anche Sarpi e Procaccini, + 5% in sei mesi, oltre 5 mila euro al mq per il nuovo, circa 4 mila per la casa d’epoca che si valorizza del + 4%. In aumento anche Baggio – Quinto Romano, + 4% sia il nuovo e vecchio da ristrutturare, con un prezzo medio di 2.600 euro per il nuovo e 1.300 euro per il vecchio. Nella top ten entrano anche Abruzzi – Romagna, + 4% per il nuovo a quasi 5 mila euro al mq, il Gallaratese – Trenno, +4% con case nuove da meno di 3 mila euro al mq e una crescita sempre intorno al 4% anche nelle case d’epoca e vecchie, l’area di Leopardi, Boccaccio e Pagano, crescita di + 4% limitata al prodotto nuovo, che vale oltre 8 mila euro al mq.

La casa vecchia e da ristrutturare ha il suo momento di crescita a Inganni – S. Cristoforo, + 7%, con valori superiori a mille euro al mq, a Istria – Maciachini, + 5% e oltre 2 mila euro, Solferino – Garibaldi con + 5% e oltre 5 mila euro al mq, Conca del Naviglio, Porta Genova con +5% e oltre 3 mila euro al mq, rispetto ai 6 mila del nuovo, Fiera – Sempione con +5%, circa 3 mila euro rispetto ai 6 mila del nuovo.