Notizie su mercato immobiliare ed economia

L'effetto covid sui prezzi delle case in centro, la mappa delle principali città italiane

Autore: Flavio Di Stefano

Si sente parlare spesso di effetto covid sul mercato immobiliare, mettendo in evidenza come il lockdown abbia suggerito nuove esigenze abitative (metrature più ampie e spazi all’aperto) che finiscono per favorire la ricerca di una casa in periferia a discapito delle zone centrali. Per misurare questo trend, idealista/news ha preparato una mappa che mostra la variazione dei prezzi delle case nei centri delle principali città italiane.

In linea generale, i prezzi nelle case in centro sono diminuiti in quasi tutte le città analizzate, seppur con andamenti differenti a seconda dei casi e dei contesti di mercato che variano di zona in zona. La caduta peggiore è quella del centro di Napoli (-42,9%), mentre il balzo più significativo si registra a Bari (+9,8%, che è anche l’unica variazione con segno positivo tra quelle analizzate).

Il centro italiano in cui le case costano di più tra le città analizzate si conferma quello di Milano, con una media di 8.928 euro/mq di prezzo di vendita richiesto per annunci pubblicati su idealista. Dall’altro verso del ranking, il centro cittadino più economico è quello di Palermo, dove chi vende chiede 1.468 euro/mq.

Entriamo ora nel dettaglio, partendo dai principali mercati immobiliari italiani. Milano, come si diceva, è la piazza più cara per acquistare una casa in centro, anche se i prezzi in quella specifica zona sono caduti del 5,1% nell’ultimo anno. Mentre nel resto del capoluogo meneghino la media dei prezzi è di 4.064 euro/mq (+1,7% su base annua).

Situazione simile a Roma, dove i prezzi delle case in centro sono scesi del 4,6% attestandosi a una media di 5.630 euro/mq. Nel resto della Capitale, in media, i valori sono calati del 2,5% a una media di richiesta di 2.824 euro/mq.

Per quanto riguarda le città di mare, Bari è in netta controtendenza (ma anche rispetto a tutti gli altri centri presi in esame), visto che Murat cresce del 9,8% e tocca quota 2.202 euro/mq. A Napoli, invece, i prezzi crollano (-42,9%) fino a 1.751 euro/mq. Valutazioni simili a Genova, dove nel centro est i valori sono di 1.711 euro/mq. Cede anche il centro di Palermo (-8,1%) con richieste di 1.468 euro/mq.

Gli altri centri città analizzati sono quelli di Firenze (4.631 euro/mq e -2%), Bologna (3.790 euro/mq e -2,9%) e Torino (3.231 euro/mq e -3,1%). Solo nel capoluogo emiliano la media cittadina in assoluto non fa registrare una diminuzione, mentre nelle altre due i valori in generale sono diminuiti, non solo in centro.