Notizie su mercato immobiliare ed economia

La nuova frontiera delle costruzioni: una stampante in 3D per fabbricare e arredare case

Autori: @stefania giudice, Paolo Codato (collaboratore di idealista news)

Una nuova concezione dell’abitare e una nuova visione economica. Questo è il cuore del progetto avviato dall'azienda romagnola Wasp: una grande stampante in 3D capace di fabbricare una casa e tutto ciò che c'è dentro. idealista news ha incontrato Massimo Moretti, ceo dell'azienda, che ha spiegato come è nata la stampante, quali sono i possibili utilizzi e le sue potenzialità.

Mettete insieme una grande stampante in 3D che può fabbricare una casa, un computer, terra, paglia, acqua, un progetto che può viaggiare sul web e la “rivoluzione” è a portata di mano.

Come illustrato da Moretti, il “Maker Economy Starter Kit” offre delle macchine che possono dare forma al sapere, che possono essere portate ovunque e che sono in grado di dare vita a una microeconomia. Tra i possibili utilizzi ci sono le situazioni di emergenza e di ricostruzione. Ma anche villaggi scientifici, di conoscenza, di studio, campi profughi, situazioni dove non c’è un tessuto economico e industriale.

Il ceo di Wasp ha spiegato: “Abbiamo dedicato tre anni alla costruzione della prima macchina, autofinanziandoci, vendendo delle stampanti più piccole, che sono realizzazioni in scala delle stampanti grandi. Quest’anno abbiamo realizzato la prima costruzione. Strada facendo abbiamo prodotto macchine per costruire arredamenti. In quattro anni abbiamo avviato un processo di autoproduzione di case e di arredamento che può essere esportato ovunque”.