Notizie su mercato immobiliare ed economia

Climatizzatori, quello che serve sapere per avere apparecchi sempre efficienti

Autore: Redazione

Che serva per rinfrescare un ambiente d’estate o riscaldarlo d’inverno, il climatizzatore è ormai sempre più richiesto. Con il tempo il mercato ha ampliato la sua offerta, i modelli in commercio sono numerosi e sempre più attenti al consumo energetico. Ma quali sono gli aspetti da tenere presenti per avere apparecchi efficienti? Andiamo a scoprirli.

Come ricordato da Altroconsumo, bisogna valutare la superficie del locale da climatizzare, il punto ideale in cui installare l’apparecchio, effettuare un corretto utilizzo e un’adeguata manutenzione.

La superficie del locale da climatizzare –  Non tutti gli apparecchi sono ideali per tutti gli ambienti. Se bisogna abbassare la temperatura di ambienti di circa 25 m2 sarà sufficiente installare un modello da 9.000 Btu/h. Nel caso in cui, invece, la superficie fosse più estesa, è necessario optare per un climatizzatore da 12.000 Btu/h, ideale per ambienti fino a 35 m2.

Il punto ideale in cui installare l’apparecchio – La distanza tra l’unità esterna e quella interna deve essere la più corta possibile, per ridurre la quantità di refrigerante necessaria e aumentare così l’efficienza. Il posizionamento dell’unità interna dipende soprattutto dall'utilizzo che si vuole fare del climatizzatore: se la sua funzione è quella di riscaldare, è preferibile collocare l’unità interna sotto la finestra; se l’obiettivo è rinfrescare, è preferibile installare lo split sopra la finestra.

L’utilizzo e la manutenzione – Per un utilizzo estivo risparmioso, la temperatura ideale da impostare sui condizionatori è di 25° C. E’ bene sempre non scendere oltre i 6-7 gradi sotto la temperatura esterna. La funzione che permette di contenere i costi è quella di deumidificazione che, spesso, può bastare per ottenere un clima più confortevole. Per una corretta manutenzione dell’unità esterna, se non se ne fa un utilizzo intenso, è sufficiente controllare il gas refrigerante e la pulizia della batteria ogni 3 o 4 anni. Per quanto riguarda l’unità interna, invece, la pulizia del filtro andrebbe fatta ogni anno.