Notizie su mercato immobiliare ed economia

Ryanair voli cancellati, ecco i diritti dei passeggeri

Autore: Redazione

La principale compagnia low cost ha annunciato la cancellazione di oltre duemila voli per aumentare la puntualità del vettore. Un vero terremoto nei cieli che coinvolgerà oltre 400mila passeggeri, costretti a perdere il proprio volo e a riprogrammare il proprio viaggio. Ma a cosa hanno diritto i viaggiatori coinvolti nel disservizio?

Ryanair ha offerto ai passeggeri in possesso di titolo di viaggio per voli cancellati due opzioni: chiedere un rimborso totale o modificare la propria prenotazione. I rimborsi saranno accreditati entro 7 giorni lavorativi sulla carta utilizzata per la prenotazione originale. Ma in realtà la normativa europea prevede ulteriori garanzie a tutela dei viaggiatori, a meno che il volo non sia cancellato per motivi indipendenti dalla compania (come può essere il caso di un temporale).

Negli altri casi i passeggeri possono richiedere un risarcimento di 250 euro per un volo cancellato se la distanza è entro i 1.500 chilometri,  400 euro se la distanza è superiore ai 1.500 chilometri (ad esempio un Londra-Bucarest). Ci sono tre casi in cui la compagnia può non dover rimborsare: quando notifica la cancellazione con due settimane di anticipo;  quando notifica la cancellazione con una settimana di anticipo e in parallelo trova un volo alternativo con arrivo non oltre le quattro ore rispetto all’atterraggio previsto per il viaggio cancellato; quando notifica la cancellazione con meno di una settimana di anticipo ma fornendo un volo alternativo con arrivo non oltre le due ore rispetto all’atterraggio previsto per il percorso annullato.

Ogni compagnia prevede uno spazio specifico di reclamo su ogni sito, ma i tempi di risposta dipendono dal periodo e dal numero di richieste.

Intanto il Codacons ha deciso di presentare un esposto a varie procure italiane, fra cui quella di Bergamo, denunciando Ryanair per il caos delle cancellazioni dei voli e chiedendo che, se ai passeggeri non saranno riconosciuti risarcimenti per i danni subiti, oltre ai rimborsi dei biglietti, si proceda per il reato di truffa.