Notizie su mercato immobiliare ed economia

La presentazione della Scia a Milano diventa telematica

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Cambia la modalità di presentazione della SCIA nel Comune di Milano. Per segnalare l’inizio dei lavori tramite lo Sportello Unico Edilizia da settembre si userà infatti la modalità telematica.

Con la presentazione della SCIA si notifica l’inizio di lavori edilizi su un edificio, certificando il possesso di tutti i requisiti necessari per legge. I lavori effettuabili con la sola presentazione della SCIA sono:

  • interventi di manutenzione straordinaria “pesante”, se riguardano parti strutturali
  • interventi di restauro e di risanamento conservativo “pesante” su parti strutturali
  • interventi di ristrutturazione edilizia “semplice” o “leggera” o di ripristino di edifici 
  • varianti a permessi di costruire che non incidono sui parametri urbanistici
  • varianti in corso d’opera che non comportano una variazione essenziale, a condizione che siano conformi alle prescrizioni urbanistico-edilizie.

Da settembre presso lo Sportello Unico Edilizia del Comune di Milano questa documentazione può essere presentata in via telematica nell’ambito di un processo di digitalizzazione in corso al Comune di concerto con gli ordini di Architetti, Ingegneri e Geometri di Milano.

Nel primo semestre del 2020, segnala il Comune di Milano, il numero di pratiche presentate allo Sportello Unico Edilizia è rimasto sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente, con maggior concentrazione, come prevedibile, nei mesi successivi al lockdown. Il processo di digitalizzazione in corso ha in buona parte consentito di far fronte alla grande mole di lavoro degli uffici.

Per quanto riguarda le SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) tra gennaio e giugno 2019 sono state presentate 1.856 pratiche, mentre quest’anno sono state 1.471, di cui 585 tra marzo e maggio. La concentrazione di documenti presentati in così poco tempo ha comportato, a partire da giugno, un ulteriore appesantimento per il lavoro degli uffici comunali e criticità per i professionisti. Per questo l’avvio della protocollazione digitale immediata delle SCIA ex art 22 prevista per il prossimo autunno è stata anticipata al 20 settembre.

A partire dal 20 settembre le modalità per presentare una SCIA ex art.22 saranno quindi:

• attraverso una nuova procedura digitale “guidata” dal portale “Impresa in un giorno”, analogamente a quanto fatto per le CILA, con protocollazione immediata;

• deposito cartaceo presso il protocollo generale di via Larga;

• appuntamento mediante l’applicativo Ony One, solo se già preso. A partire dal 20 settembre non sarà più possibile prenotare appuntamenti, riservando lo spazio appuntamenti di protocollazione solo per le SCIA ex art.23.

Si sta inoltre lavorando per accelerare e realizzare nel 2020 anche la digitalizzazione delle SCIA ex art.23.