Notizie su mercato immobiliare ed economia

Reddito di cittadinanza, da dove arriva la maggior parte delle richieste

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Dopo i primi 20 giorni dall’apertura dell’invio delle domande per il reddito di cittadinanza, è tempo di fare i primi bilanci sull’identikit dei cittadini richiedenti il sussidio.

Secondo i dati diffusi dal Ministero del Lavoro sono 221.933 le domande del reddito di cittadinanza pervenute sino a questo momento a Poste italiane. Ma dal 6 marzo a oggi, complessivamente, i cittadini hanno preferito recarsi fisicamente presso gli uffici postali, visto che con questa modalità sono pervenute 193.731 domande. Sono 28.802, invece, le richieste inoltrate online.

Complessivamente, la maggior parte delle richieste arrivano dal Sud Italia, ma la sorpresa arriva dalla regione in testa alla classifica del numero di richieste, la prima infatti è la Lombardia con 31.309 domande, seguono la Campania con 28.897, la Sicilia con 23.863, il Piemonte con 20.981 e il Lazio con 20.741.

Ma sono ancor più corposi i numeri registrati ai Caf. Sono infatti oltre 500.000 gli italiani che si sono rivolti agli sportelli, come ha fatto sapere la Consulta Nazionale dei Caf.

E i numeri dimostrano che gli under 30 rappresentano il 6,8% delle domande presentate ai Caf per ottenere il reddito di cittadinanza, secondo raccolti in 10 città campione, distribuite tra Nord, Centro e Sud Italia, su 7.964 domande presentate fino al 20 marzo. Il dato è trascinato da una percentuale al Sud del 10,3%, mentre al nord sono il 4,7% e al centro il 3,2%.

Riguardo alle domande dei cittadini stranieri rispetto a quelle dei cittadini italiani: la media nazionale del 9,5% degli stranieri richiedenti il reddito di cittadinanza ha un picco al Nord del 15,4%, scende al Centro al 9,3%, per crollare al Sud al 3,4%.