Notizie su mercato immobiliare ed economia

Quanto costerà viaggiare in aereo dopo l’emergenza coronavirus?

Le tariffe dei biglietti potrebbero aumentare molto significativamente

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

C’erano una volta i voli low cost. Tra i tanti effetti generati dall’emergenza sanitaria, si dovranno fare i conti anche con i rincari che verranno applicati alle tariffe aeree. C’è chi dice che dovremo spendere il doppio, se non il triplo, per volare. Cerchiamo di capire quanto costerà viaggiare in aereo dopo la crisi legata al coronavirus.

Specialmente nelle prime fasi della riapertura del traffico aereo, infatti, le compagnie si troveranno a dover gestire una situazione e uno scenario senza precedenti. Garantire la sicurezza, e quindi il distanziamento sociale, infatti, si significa ridurre sensibilmente la capienza degli aerei, nella stragrande maggioranza dei casi anche di oltre il 50%.

Questo, inevitabilmente, finirà per incidere sui costi dei biglietti, con tariffe che sono destinate ad aumentare in maniera significativa. Mediamente, un volo potrebbe costare il 50% in più il prossimo anno rispetto a quanto avveniva prima dello scoppio della pandemia. Per quanto riguarda i voli a lungo raggio, invece, l’aumento dei prezzi potrebbe toccare addirittura punte del 102%.

Secondo una previsione della Iata (International Air Transport Association), riportata dal Corriere della Sera, in una prima fase le compagnie dovrebbero continuare a volare seppure in perdita, in assenza di ricavi per coprire i costi operativi, visto anche che per rispettare le norme anti contagio dovranno lasciare vuoto il sedile centrale.

Quindi, per Brian Pearce, capo economista della Iata, in un primo momento è lecito aspettarsi un calo dei prezzi per i voli a medio-corto raggio per ripartire, ma a lungo termine il distanziamento sociale provocherà un rincaro considerevole sulle tariffe dei biglietti aerei per permettere alle compagnie di sostenere i costi, visto che la capienza di un aereo sarebbe ridotta anche del 67%. La mancanza di introiti deve quindi essere coperta dall’aumento dei biglietti.