Notizie su mercato immobiliare ed economia

Anche lo scontrino parlante dà diritto al bonus bici

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Alla fine il Ministero dei Trasporti e quello dell’Ambiente hanno trovato l’accordo sulle modalità per richiedere il bonus bici e monopattino. Lo scontrino parlante darà diritto al rimborso per chi ha comprato una bicicletta elettrica (e non solo) prima del lancio dell’app.

Come è ormai noto, il bonus bici 2020 è un contributo statale che copre il 60% delle spese sostenute (fino a un massimo di 500 euro) per l’acquisto di biciclette elettriche, monopattini, hoverboard e segway tutti a propulsione elettrica. Per poter usufruire del bonus, per chi ha già acquistato una bicicletta elettrica o un monopattino (a partire dal 4 maggio) o la acquisterà prima del lancio dell’app ad hoc, basterà lo scontrino parlante.

Si tratta di uno scontrino che specifica la natura dei beni acquistati e che riporta anche il codice fiscale di chi ha effettuato l’acquisto, proprio come accade per le spese mediche sostenute per acquisti in farmacia che possono essere portate in detrazione nel 730.

Il decreto rilancio, infatti, stabilisce che il bonus spetta a chi abbia acquistato una bicicletta elettrica o un monopattino a partire dal 4 maggio 2020. Chi ha già acquistato un mezzo di mobilità alternativa, potrà chiedere un rimborso del 60% della cifra spesa fino a un massimo di 500 euro. Appena sarà online l’app e la piattaforma digitale, sarà possibile generare direttamente uno sconto di cui poter fruire presso i negozi.

Nel dettaglio, il bonus bici spetta ai cittadini maggiorenni residenti (non basta essere domiciliati) nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane e nei capoluoghi di Provincia e ai residenti nei Comuni con più di 50.000 abitanti. Inoltre, non sono previsti inoltre vincoli familiari, in quanto il bonus bici e monopattini è individuale.

Il bonus bici è valido per gli acquisti dal 4 maggio al 31 dicembre 2020, ma le modalità per accedervi si differenziano, sostanzialmente, in due fasi. La prima riguarda chi ha già acquistato una bici o un monopattino (purché l’acquisto sia avvenuto dopo il 4 maggio) prima del lancio dell’app e dell’attivazione della piattaforma ad hoc.

In questo caso si ha diritto a un rimborso del 60% di quanto speso, per questo è necessario aver conservato lo scontrino parlante per richiedere il bonus non appena la piattaforma sarà operativa (probabilmente da metà luglio).

Chi invece utilizzerà il bonus bici e monopattini nella seconda fase, quando sarà stata lanciata l’app ad hoc, potrà acquistare direttamente la bicicletta elettrica o un altro mezzo compatibile pagando solo il 40% del suo reale prezzo.