Notizie su mercato immobiliare ed economia

Bonus baby sitter 2021, quali sono le novità per autonomi e sanitari

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Novità sul fronte del bonus baby sitter 2021 per autonomi e sanitari. Il decreto legge n. 30, approvato dal Consiglio dei Ministri del 12 marzo 2021, ha introdotto un voucher fino a 100 euro settimanali per alcune categorie di lavoratori con figli minori di 14 anni in didattica a distanza.

Nello specifico, le categorie coinvolte sono i lavoratori autonomi, gli operatori sanitari, i medici e le forze dell'ordine. A tali categorie di lavoratori è dunque destinato il bonus baby sitter 2021 nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali per i periodi in i cui figli si trovano a svolgere attività di didattica a distanza o sono in quarantena.

La misura sarebbe dovuta arrivare con il decreto Sostegno, che però è ancora in fase di elaborazione. Si è dunque deciso di inserirla immediatamente nel decreto legge discusso in Consiglio dei Ministri che ha introdotto misure urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del Covid-19.

Il bonus baby sitter 2021 è rivolto ai lavoratori iscritti alla gestione separata Inps; ai lavoratori autonomi; al personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19; ai lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alle seguenti categorie: medici; infermieri; tecnici di laboratorio biomedico; tecnici di radiologia medica; operatori sociosanitari.

Il voucher fino a 100 euro settimanali può essere speso per la durata della sospensione dell'attività didattica in presenza del figlio; per la durata dell'infezione da Sars Covid-19 del figlio; per la durata della quarantena del figlio disposta dal dipartimento di prevenzione della azienda sanitaria locale (Asl) territorialmente competente a seguito di contatto ovunque avvenuto.

Per i lavoratori autonomi non iscritti all'Inps, il bonus baby sitter 2021 è riconosciuto subordinatamente alla comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali del numero dei beneficiari.