Notizie su mercato immobiliare ed economia

Decreto Sostegni bis, le novità sul contributo a fondo perduto

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

E' stato approvato dal Consiglio dei Ministri che si è riunito il 20 maggio il decreto Sostegni bis con novità anche per quanto riguarda il contributo a fondo perduto. Vediamo cosa prevede la misura.

Il decreto Sostegni bis ha stabilito uno stanziamento di circa 40 miliardi di euro, a valere sullo scostamento di bilancio già autorizzato dal Parlamento. L'obiettivo è potenziare ed estendere gli strumenti di contrasto alla diffusione del contagio e di contenere l'impatto sociale ed economico delle misure di prevenzione che sono state adottate.

Gli interventi previsti dal decreto Sostegni bis si articolano su sette principali linee di azione:

  • sostegno alle imprese, all'economia e abbattimento dei costi fissi;

  • accesso al credito e liquidità delle imprese;

  • tutela della salute;

  • lavoro e politiche sociali;

  • sostegno agli enti territoriali;

  • giovani, scuola e ricerca;

  • misure di carattere settoriale.

Contributo a fondo perduto, la misura prevista dal decreto Sostegni bis

Per quanto riguarda in particolare il sostegno alle imprese, all'economia e l'abbattimento dei costi fissi, il decreto Sostegni bis prevede un nuovo contributo a fondo perduto per i soggetti titolari di partita Iva che svolgono attività d'impresa, arte o professione, nonché per gli enti non commerciali e del terzo settore, senza più alcuna limitazione settoriale o vincolo di classificazione delle attività economiche interessate. 

Il nuovo contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni bis è più articolato dei precedenti e il suo scopo è quello di raggiungere una platea ancora più ampia di beneficiari e di fornire un ristoro maggiormente in linea con gli effettivi danni economici subiti dagli operatori a causa della pandemia. 

Nello specifico il nuovo contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni bis si articola su tre componenti:

  • la replica del precedente intervento previsto dal primo decreto Sostegni, con un contributo a fondo perduto per le partite Iva con determinate classi di ricavi, che abbiano subito un calo del fatturato di almeno il 30 per cento tra il 2019 e il 2020;

  • una seconda componente basata sul calo medio mensile del fatturato nel periodo compreso tra il 1° aprile 2020 e il 31 marzo 2021;

  • la terza componente avrà una finalità perequativa e si concentrerà sui risultati economici dei contribuenti, anziché sul fatturato. Il contributo verrà assegnato sulla base del peggioramento del risultato economico d'esercizio e terrà conto dei ristori e sostegni già percepiti nel 2020 e nel 2021.

Coloro che hanno già richiesto e ricevuto il primo contributo a fondo perduto hanno diritto a un altro contributo, che verrà erogato in automatico con un importo pari al precedente. Facendo domanda si può invece richiedere di parametrare il sostegno al periodo aprile 2020-marzo 2021. Per il contributo a fondo perduto basato sul conto economico, infine, saranno stabiliti criteri e aliquote con un decreto attuativo del Ministero dell'Economia. Chi non ha richiesto i contributi a fondo perduto del decreto Sostegni può presentare domanda fino al 28 maggio.

Per i soggetti che hanno già beneficiato del contributo a fondo perduto, il calcolo del contributo a fondo perduto alternativo, riconosciuto ai soggetti che svolgono attività d'impresa, arte o professione e che producono reddito agrario, titolari di partita Iva residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, viene effettuato applicando le stesse percentuali del primo decreto Sostegni alla differenza tra l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 e l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1° aprile 2019 e il 31 marzo 2020:

  • 60% per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 100.000 euro;

  • 50% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro;

  • 40% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 400.000 euro e fino a 1 milione di euro;

  • 30% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro;

  • 20% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro.

Per i soggetti che non hanno già beneficiato del contributo a fondo perduto, il periodo preso in considerazione è sempre lo stesso (dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 rispetto allo stesso lasso di tempo tra 2019 e 2020), ma la somma viene determinata applicando una percentuale alla differenza tra l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 e l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020 come segue:

  • 90% per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 100mila euro;

  • 70% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 100mila euro e fino a 400mila euro;

  • 50% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 400mila euro e fino a 1 milione di euro;

  • 40% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro;

  • 30% per i soggetti con ricavi o compensi indicati al comma 7 superiori a 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro.

Per tutti i soggetti, l'importo del contributo a fondo perduto non può essere superiore a 150mila euro e non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi.