Notizie su mercato immobiliare ed economia

Abolizione tassa sulla prima casa, Baretta: “E’ un impegno e lo rispetteremo”

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il tema della fiscalità immobiliare si fa sempre più caldo. Ad intervenire ora è il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, che ha confermato l’impegno del governo sul fronte dell’abolizione della tassa sulla prima casa.

Baretta: “Questi sono gli impegni e questi rispetteremo”

Intervistato da Tg2000, di Tv2000, Baretta ha detto: “Il presidente del Consiglio è stato chiaro: abolizione della tassa sulla prima casa, eliminazione delle tasse dai macchinari imbullonati e l’Imu agricola. Questi sono gli impegni e questi rispetteremo”.

Niente rischi sul fronte europeo

Il sottosegretario all’Economia ha poi spiegato che per l’eliminazione della tassa sulla prima casa sul fronte europeo non vede rischi e ha aggiunto: “Abbiamo una condizione di bilancio dal punto di vista del deficit molto favorevole, siamo in grado di discutere anche di flessibilità in collaborazione con l’Europa”.

Distinzione tra tassa sulla prima casa e Local tax

Un altro passaggio interessante è quello nel quale Baretta ha precisato la distinzione tra tassa sulla prima casa, “che sarà abolita”, e Local tax. A tal proposito, il sottosegretario all’Economia, ha affermato: “Vogliamo soprattutto semplificare, bisogna che i cittadini non paghino molte volte le tasse, ma una sola volta ai Comuni. Quindi è necessario unificare i vari pezzi come la tassa sulla seconda casa, sui rifiuti e sull’energia elettrica comunale. Vogliamo rendere più semplici le tasse comunali dal punto di visto del pagamento del cittadino”.

La trattativa con i Comuni

Baretta ha infine spiegato: “Abbiamo già da tempo una trattativa aperta con i Comuni. Bisogna essere molto chiari: i Comuni hanno ragione e hanno diritto di dire che se viene abolita la tassa sulla prima casa, poiché quelle tasse sono di loro competenza, è necessario che siano compensati. E’ una cifra importante, circa 4 miliardi di euro, ma l’impegno non può che essere quello di compensare i Comuni dell’abolizione della tassa sulla prima casa”.