Notizie su mercato immobiliare ed economia

Agevolazione prima casa, la Cassazione chiarisce la nozione di abitazione non di lusso

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

E’ la nozione di abitazione di lusso vigente al momento dell’acquisto a dover essere tenuta presente per stabilire la spettanza o meno dell’agevolazione sulla prima casa. Non conta, dunque, la nozione di abitazione non di lusso al momento della costruzione. A dirlo la Corte di cassazione con la sentenza n. 23233 del 13 novembre 2015.

Vediamo il caso esaminato. La commissione tributaria regionale, condividendo la tesi della parte contribuente, ha ritenuto illegittima la revoca dell’agevolazione fiscale in quanto alla fattispecie si sarebbe dovuto applicare il d.m. 4.12.1961 e non il dm. 2.8.1969, secondo il quale l’abitazione va considerata come di lusso per il solo fatto della estensione superiore a 240 metri quadri.

La Cassazione ha giudicato tale tesi “giuridicamente errata”, ricordando che la fruizione delle agevolazioni tributarie derivanti dall’acquisto della prima casa è collegata (dall’art. 2 d.l. 7 febbraio 1985 n. 12, come conv. dalla 1. 5 aprile 1985 n. 118) alla possibilità di includere gli immobili trasferiti, “indipendentemente dalla data della loro costruzione”, fra le abitazioni non di lusso, “secondo i criteri di cui al d.m. 2 agosto 1969”, e segnatamente quelli fissati dagli art. 1 e 6.

La disposizione di cui al successivo art. 10 del citato d.m., secondo cui “alle abitazioni costruite in base a licenza di costruzione rilasciata in data anteriore a quella di entrata in vigore del presente decreto si applicano le disposizioni di cui al d.m. 4 dicembre 1961”, non va intesa come funzionale alla separazione cronologica, nella definizione legislativa, di due diverse specie di “abitazioni non di lusso”.

La Cassazione ha sottolineato che quella disposizione rappresenta la semplice regolamentazione transitoria dell’unica fattispecie in essa prevista, relativa alle abitazioni in corso di costruzione all’entrata in vigore del decreto, ovvero a quelle costruite successivamente, ma “in base a licenza di costruzione rilasciata in data anteriore”.

Solo tali costruzioni erano e potevano essere destinatarie dei benefici fiscali previsti dalle leggi a quel momento vigenti e solo per esse poteva porsi il problema della individuazione del complesso normativo al quale fare riferimento per stabilire il carattere dell’abitazione e, quindi, la spettanza dei benefici fiscali dell’epoca.