Notizie su mercato immobiliare ed economia

Immobili pignorati in vendita, chiarimenti sugli adempimenti Iva

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Quando si parla di immobili pignorati in vendita, come regolarsi con gli adempimenti Iva? Sulla questione è intervenuta l'Agenzia delle Entrate. Ecco quanto chiarito.

Con la risposta n. 387, l'Agenzia delle Entrate ha spiegato quali sono gli adempimenti Iva sugli immobili pignorati in vendita. L'Agenzia delle Entrate ha innanzitutto ricordato che con la risoluzione n. 62/E del 16 maggio 2006 sono stati forniti chiarimenti in merito agli adempimenti Iva che il custode giudiziario e il professionista delegato al compimento delle operazioni di vendita devono assolvere nell'ambito della procedura di espropriazione immobiliare. In particolare, con tale risoluzione è stato chiarito che l'incaricato alla vendita non assume la titolarità del bene oggetto di espropriazione forzata, che resta pur sempre in capo al debitore il quale, tuttavia, è privato del potere dispositivo sul bene. Ed è stato sottolineato che "obbligato ad emettere fattura in nome e per conto del contribuente e a versare l'Iva incassata all'Amministrazione finanziaria sia il professionista delegato delle operazioni di vendita". 

Gli adempimenti Iva, in caso di immobili pignorati in vendita, spettano dunque al professionista delegato alle operazioni di vendita, il quale però agisce sempre "in nome e per conto del contribuente", ovvero in sua sostituzione. Questo per garantire che gli adempimenti Iva siano comunque assolti anche in caso di debitore esecutato "reperibile", ma "poco collaborativo".

Tuttavia nulla esclude che il debitore esecutato "collaborativo" possa spontaneamente farsi carico degli adempimenti Iva "e che, quale soggetto passivo, possa tenere conto, nel versamento del tributo, dell'eccedenza Iva maturata e operare la compensazione (cd verticale o interna), nel modello F24, ovvero anche in sede di liquidazione periodica, del debito Iva con il credito Iva maturato nel periodo d'imposta precedente. Tutto questo "fermo restando che permane in capo al professionista delegato la responsabilità di vigilare sulla correttezza del versamento".