Notizie su mercato immobiliare ed economia

Causa di forza maggiore e agevolazione prima casa, l'immobile che è un rudere non ha rilevanza

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Si torna a parlare della causa di forza maggiore e dell'agevolazione prima casa. In questo caso, è intervenuta la Cassazione con l'ordinanza n. 17629. Ecco quanto spiegato.

Per quanto riguarda la causa di forza maggiore e l'agevolazione prima casa, il dilungrasi dei lavori sull'immobile allo stato di rudere non vale. Per non perdere il beneficio, la residenza deve essere trasferita entro i 18 mesi previsti nel Comune in cui si trova l'immobile, non serve che sia trasferita nell'abitazione acquistata. 

Secondo quanto spiegato dall'ordinanza della Cassazione, non è possibile invocare la causa di forza maggiore al fine di non perdere l'agevolazione prima casa se i lavori si protraggono oltre il dovuto nell'immobile allo stato di rudere. Per poter configurarsi la forza maggiore, assumono rilevanza solo fatti che abbiano impedito il trasferimento della residenza nel comune.

Si ricorda che la causa di forza maggiore, per non perdere l'agevolazione prima casa, deve essere intesa come evento non prevedibile, inaspettato e sovrastante la volontà del contribuente.