Notizie su mercato immobiliare ed economia

Blocco dei licenziamenti per covid, i sei casi in cui non vale

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Dal 17 agosto torna possibile per le aziende licenziare i lavoratori, dopo il blocco imposto per arginare le conseguenze economiche del covid. Ecco in quali casi da oggi è possibile licenziare.

  • Cessazione dell’attività dell’impresa: esclusi dallo stop ai licenziamenti post covid i casi motivati dalla chiusura definitiva delle attività dell’impresa.
  • Incentivo all’esodo: Si può tornare a stringere con i lavoratori accordi di accompagnamento all’uscita dal rapporto di lavoro, che comportano un licenziamento con Naspi e incentivo all’esodo da parte del datore di lavoro.
  • Fallimento senza esercizio provvisorio: La legge dopo il 17 agosto prevede la possibilità di licenziare in caso di fallimento se non è previsto l’esercizio provvisorio dell’impresa, anche solo per i rami d’azienda parzialmente esclusi dall’esercizio provvisorio.
  • Termine della cassa integrazione: al termine delle 18 settimane di Cig è possibile licenziare il lavoratore.
  • Esonero contributivo: se l’azienda non usufruisce della Cig ma opta per l’esonero contributivo fino a 4 mesi, non può licenziare fino al termine dell’esonero stesso.
  • Modifica strutturale dell’organizzazione: no allo stop dei licenziamenti se questi sono funzionali alla ristrutturazione dell’organizzazione dell’azienda.
  •  
Articolo visto su
Da oggi licenziamenti possibili in sei casi (Il sole 24 ore)