Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mutui, da Nord a Sud quando denaro danno le banche a chi chiede un prestito

Autore: Redazione

Nel 2016 le compravendite di abitazioni con mutuo ipotecario (NTN IP) sono state 246.182 unità, il 27,3% in più del dato rilevato nel 2015. I rialzi sono stati consistenti, superando ovunque il 25%, in tutte le aree del Paese, con tassi di recupero analoghi per la ripartizione dei capoluoghi, +27,2%, e dei comuni non capoluoghi, +27,4%.

Nei capoluoghi del Nord Est è stato registrato il maggior incremento rispetto all’anno precedente (+32,4%) e il Nord Ovest è stata l’area nella quale è stato registrato il maggior numero di compravendite assistite da mutuo, 36,7% del totale nazionale, seguito dal Centro con quasi il 22%.

Coerentemente con l’aumento del numero di unità abitative acquistate con mutuo ipotecario, per il capitale complessivo erogato è stato registrato un incremento del 27,8%, passando da circa 23 miliardi di euro del 2015 a 29,5 miliardi di euro del 2016.

Tra le aree del Paese gli incrementi del capitale erogato sono oscillati tra il 22,2% registrato nelle Isole (1,7 miliardi di euro) e il 30,7% nel Nord Est (5,9 miliardi di euro). L’area con la maggior quota del capitale è stata il Nord Ovest (37,8%, 11,1 miliardi di euro), seguita dal Centro (24,5%, 7,2 miliardi di euro). Le Isole hanno registrato la minor quota di capitale erogato, 5,8% del totale nazionale.

Il capitale erogato per abitazione ipotecata e acquistata (capitale unitario) ha registrato un lieve rialzo di soli 400 euro avvicinandosi ai 120.000 euro medi erogati per un’abitazione nel 2016. Tra le aree la situazione è diversificata: si è osservato un calo al Sud e nelle Isole, quasi 3.000 euro in meno, nelle aree del Nord il capitale medio erogato è cresciuto di 1.600 euro, al Centro il rialzo è stato in linea con il dato nazionale, +400 euro rispetto al 2015.

Nei capoluoghi del Centro è stato rilevato il capitale unitario massimo, 153.000 euro circa, nei comuni non capoluogo del Sud e delle Isole il capitale unitario medio erogato ha registrato il valore minimo, 100.000 euro circa.