Notizie su mercato immobiliare ed economia

Quando si può realizzare un gazebo in edilizia libera

PublicDomainPictures da Pixabay
PublicDomainPictures da Pixabay
Autore: Redazione

Una recente sentenza del Tar della Campania ha ribadito i casi in cui si può realizzare un gazebo in edilizia libera. Scopriamo quando viene considerato come struttura leggera e quando invece è necessario il permesso di costruire.

Nel dettaglio della sentenza 1273/2021 i giudici del Tar campano erano stati chiamati a pronunciarsi sul ricorso nei confronti di un ordine di demolizione emesso dal Comune, secondo erano stati realizzati diversi abusi edilizi in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico, e tra questi vi era la costruzione di un gazebo a pianta quadrata, con struttura in scatolari metallici e copertura in tegole.

Tuttavia, per il responsabile degli interventi in questione l’ordine di demolizione andrebbe bloccato, visto che nel frattempo era stata presentata istanza di compatibilità paesaggistica. L’istanza, però, secondo il Comune sarebbe insufficiente in quanto limitata solo all’aspetto paesaggistico, mentre per bloccare la demolizione sarebbe stato necessario un accertamento di compatibilità urbanistico-edilizia.

Tuttavia, i giudici del Tar della Campania hanno dato torto al responsabile dei lavori, confermando l’ordine di demolizione stabilito dal Comune. Si può realizzare un gazebo in edilizia libera quando la struttura stessa sia “leggera e non in grado di incidere in modo significativo sullo stato dei luoghi” presso cui sorge.

Un gazebo rientra nel regime di edilizia libera e non ha bisogno di richiedere il permesso di costruire quando non risulti aderente a un altro immobile. Deve essere una “struttura leggera, coperta nella parte superiore e aperta ai lati, realizzata con una struttura portante in ferro battuto, in alluminio o in legno strutturale, talvolta chiuso ai lati da tende facilmente rimuovibili, che può essere realizzato sia come struttura temporanea, sia in modo permanente per la migliore fruibilità di spazi aperti come giardini o ampi terrazzi”.