Notizie su mercato immobiliare ed economia

L’abbandonata riproduzione del Partenone fatta costruire dal capo della polizia più corrotto del Messico

Messynessychic
Messynessychic
Autore: Redazione

Arturo Durazo Moreno ha fatto una fortuna con il traffico di armi, droga, con le estorsioni e gli omicidi. Ma questo criminale, noto come “El Negro”, non è stato un criminale qualunque: dal 1976 al 1982 è stato il capo della polizia di Città del Messico. La sua megalomania lo ha portato a far costruire diversi palazzi, tra cui il Partenone di Zihuatanejo, probabilmente il più grande monumento alla corruzione della polizia in tutto il mondo.

Con il suo lusso sfrenato e con le sue statue in stile classico, questa riproduzione del tempio ateniese è stata costruita alla fine degli Anni ‘70 su una superficie di oltre 20.000 m2. La stampa del tempo ha assicurato che il costo è stato di circa 700 milioni di pesos messicani (circa 32 milioni di euro), tutti pagati con i soldi della droga.

Ma “El Negro” ha potuto godere poco della sua grande opera. Il palazzo è stato chiuso nel 1982 dal nuovo presidente del Messico, Miguel de la Madrid, in seguito a una grande campagna contro la corruzione. Durazo è fuggito, ma è stato catturato due anni dopo a Puerto Rico.

Il Partenone di Zihuatanejo è stato espropriato per il mancato pagamento delle tasse. Le autorità hanno cercato di venderlo per un settimo di quello che è costato, ma non ci sono stati acquirenti. Alla fine, l’immobile è stato donato all’Università di Guerrero e ora è abbandonato.