Notizie su mercato immobiliare ed economia

Parigi, questo strano edificio dorato è destinato all'edilizia popolare

Lo studio Metek ha pensato a una soluzione di design decisamente fuori dal comune per gli alloggi delle classi

Metek Architecture
Metek Architecture
Autore: Vicent Selva (collaboratore di idealista news)

Parigi è una delle città più belle del mondo. Su questo, ci sono pochi dubbi. Passeggiare per le sue strade e viali per poi imbattersi in grandi monumenti, dalla Torre Eiffel all'Arco di Trionfo, senza dimenticare la Basilica del Sacro Cuore o l'Opera Garnier.

Tuttavia, proprio per via della sua natura di grande città, Parigi ha tante altre sfaccettature. Non tutte le sue strade, infatti, sono un'esplosione di glamour e arte. In effetti, i venti "arrondissement" o distretti in cui è suddivisa la città sono molto diversi, ognuno con le sue caratteristiche. Alcuni si allontanano molto dall'immagine diffusa della Parigi elegante e monumentale che vediamo spesso al cinema.

Nei quartieri meno centrali, almeno in alcuni di essi, è protagonista l'edilizia popolare, che per definizione ha poco a che fare con l'architettura dell'area storica. Tuttavia, pensare che queste strutture non badino per nulla all'estetica sarebbe un errore; perché negli ultimi tempi questi tipi di case stanno attirando l'attenzione di architetti e designer disposti a cambiarne l'immagine.

Il distretto XIX è uno di quelli con una delle più alte percentuali di edilizia popolare. Qui, lo studio di architettura Metek ha progettato un complesso a uso misto. È composto da 31 unità abitative sociali e 7 studi di artisti. Con questo nuovo progetto Metek mantiene l'intenzione di reinventare lo spazio urbano collocandolo al centro del progetto, che intende anche stabilire un collegamento con gli edifici storici e allo stesso tempo annunciare un inserimento contemporaneo grazie a un peculiare rivestimento in rame e alluminio chiamato rame dorato.

Il progetto di Metek è discreto e, di fatto, appena visibile dalla strada. All'ingresso, i residenti sono accolti da un patio esterno generosamente condiviso che costituisce il centro del piano. Questo spazio mira a favorire l'interazione sociale tra vicini, consentendo allo stesso tempo alla luce naturale di penetrare negli edifici . "L'intenzione architettonica è soprattutto sociale: reinventare un cortile urbano condiviso da tutti gli abitanti", dicono da Metek.

Il cortile centrale è concepito come una piccola strada pedonale che si estende in una vecchia tipografia attraverso grandi porte d'ingresso. Questa stradina lastricata, che segue la tipologia delle ville parigine, raggiunge tutti gli edifici al piano terra. Tra gli edifici, c'è un sistema di terrazze, casette, corridoi e balconi su ponti di legno. Il cambio di materiale segna una soglia, poiché indica che da quel punto si entra nell'interno della casa.

I nuovi tetti sono progettati in scala e inclinazione per mantenere un corretto equilibrio con gli edifici esistenti. Tuttavia, per dare un tocco moderno e sostenibile, il tetto ospita anche pannelli fotovoltaici e solari per fornire energia e acqua calda.

La facciata dell'edificio che si affaccia sulla strada non è cambiata, ma sul lato del cortile sono state abbassate le finestre ed è stato aggiunto un sistema di balconi e corridoi esterni. La facciata della vecchia tipografia è stata completamente ricostruita secondo documenti storici.

Come elemento aggiuntivo, creato con la ferma intenzione di promuovere l'interazione sociale tra i vicini, i balconi sono stati appositamente progettati, con un orientamento al cortile centrale. "I balconi, le terrazze, i rifugi e i corridoi hanno anche lo scopo di formare una connessione con l'esterno, offrendo un'estensione dello spazio interno".