Notizie su mercato immobiliare ed economia

I mancati pagamenti degli inquilini portano il mercato degli affitti di New York sull'orlo del collasso

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Migliaia di inquilini a New York non possono permettersi di pagare l'affitto per via della crisi dovuta al coronavirus, nonostante gli aiuti del governo. In uno dei principali mercati per l'affitto di case del pianeta, molti proprietari di non percepiscono i canoni da marzo e continua il blocco degli sfratti per i cittadini in difficoltà finché duri il lockdown.

Il mercato immobiliare di New York è sempre stato diverso dal resto degli Stati Uniti e vive il suo mondo parallelo in termini di prezzi, offerta e domanda. Sebbene, con la crisi del corovanirus, tutti i vantaggi che aveva gli si sono ritorti contro. Due terzi dei cittadini della più grande città degli Stati Uniti vivono in affitto, rendendolo il più grande mercato di locazioni al livello nazionale e uno dei più grandi del pianeta.

Le misure di distanziamento sociale e di confinamento domiciliare per prevenire la diffusione del coronavirus hanno portato alla chiusura di centinaia di aziende, che non hanno avuto altra scelta che licenziare i propri lavoratori, a meno che non fossero in grado di assicurare lo smart working.

Questo aumento del tasso di disoccupazione ha comportato che un quarto degli inquilini della città non è stato in grado di pagare l'affitto da marzo, secondo l' Associazione Community Housing Improvement Program (CHIP), un gruppo che rappresenta gli interessi dei proprietari di immobili. Gli affitti a New York sono quasi il doppio della media nazionale e le famiglie devono spendere un terzo del loro reddito per i canoni mensili.

Questo è il caso, ad esempio, di Jessica Lee e di suo marito, che pagavano 4.000 dollari (circa 3.500 euro al cambio attuale) per un appartamento con quattro camere da letto a Brooklyn, e che hanno condiviso con altri quattro colleghi. Jessica è l'unica che non ha perso il lavoro perché è dipendente di un'azienda che produce disinfettanti per le mani. Gli altri, che lavoravano in un ristorante, hanno perso il lavoro. Il proprietario chiede 20.000 dollari di arretrati.

Ma neanche per i proprietari la situazione facile. Avere un inquilino insolvente non è l'unico problema, infatti. Trovare un inquilino solvente in questo momento sta diventando più difficile. “Il problema non sono solo gli inquilini che non pagano. È più difficile trovare sostituti per coloro che se ne vanno", afferma Dondre Roberts, agente immobiliare di Nestseekers International.

“Abbiamo il 17% di appartamenti liberi vicino alla New York University. Molti studenti attendono l'evoluzione della pandemia nelle case dei genitori prima di tornare alla vita universitaria. Normalmente un monolocale che costa 2.600 dollari al mese ora costa 2.300 dollari" (circa 2.000 euro al cambio attuale). L'agente osserva che molti proprietari offrono un mese di affitto gratuito e pagano le spese di agenzia. Naturalmente, gli inquilini che lavorano sono sempre più difficili da trovare.

Molti inquilini che vogliono rimanere nelle loro case, ma non possono permettersi l'affitto, provano a negoziare piani di pagamento con i loro proprietari. Alcuni sono stati in grado di "sopravvivere" con sussidi di disoccupazione, che possono raggiungere i 600 dollari a settimana (circa 530 euro al cambio attuale), sebbene il governo li mantenga fino alla fine di luglio. Il Congresso degli Stati Uniti deve decidere se estendere ulteriormente questa misura.

“Molti inquilini sono riusciti a reggere il passo con i pagamenti degli affitti, ma se gli aiuti si esauriscono non saranno più in grado di farlo. Sarà un disastro", afferma Jonas Shaende, capo economista presso l'Institute for Fiscal Policy, che aggiunge "non sembra esserci alcun piano e l'imminente problema è enorme".

Il governo federale si è affrettato a proteggere il mercato dei mutui, con moratorie e rinvii per i proprietari di case, ma non esiste ancora un piano di salvataggio per gli inquilini. A New York City, più di 700.000 case in affitto hanno perso i loro guadagni a causa della pandemia, secondo il Furman Center della New York University.