Notizie su mercato immobiliare ed economia

Una "startup" consente di calcolare il prezzo di mercato di 35 milioni di case in Germania

Gtres
Gtres
Autore: Antonio Martínez (collaboratore di idealista news)

Il più grande atlante di case consultabile liberamente della Germania. Una "startup" ha appena lanciato un progetto che stima, utilizzando "big data" e intelligenza artificiale, i prezzi di oltre 35 milioni di case in circa 10.000 città della più grande economia europea. L'obiettivo è diventare la piattaforma di riferimento per il fiorente settore immobiliare tedesco, uno strumento gratuito a vantaggio di proprietari, agenti e acquirenti.

Scoperty, che ha iniziato a operare in tutta la Germania il 18 novembre, si presenta come una rivoluzione per agevolare l'accesso al mercato immobiliare. "Crediamo fermamente che renderemo il mercato immobiliare più trasparente e più agile", ha dichiarato in una nota il fondatore e CEO della società, Michael Kasch. "Offriamo a tutti le stesse informazioni, possiamo per la prima volta rendere visibile il mercato immobiliare nella sua totalità e diversità", aggiunge. Il portale, con un'immagine satellitare e un motore di ricerca per codici postali o nomi di strade in home page, sottolinea che questo progetto consente al proprietario di testare il mercato senza scartoffie, costi o impegni. Per i potenziali acquirenti, invece, offre una grande finestra con un termometro della situazione del mercato, invece di una manciata di offerte.

L'azienda sottolinea anche i suoi sforzi per rilanciare il mercato. "Abbiamo verificato in fase di test di aver ampliato l'offerta di immobili disponibili, di aver collegato gruppi target e di aver promosso transazioni immobiliari con mezzi digitali in cui proprietari e soggetti interessati grazie al nostro mercato", spiega Kasch.

Il preventivo, sottolineano i promotori del progetto, non è la conclusione di un parere di esperti né ha valore legale, ma aspira ad essere un fedele riflesso della situazione del mercato. Spiegano che i prezzi sono il risultato di un "algoritmo altamente complesso" che stima il valore di mercato al metro quadro di ogni immobile sulla base di sette dati pubblici ottenibili, a volte pagando al catasto, varie agenzie statali e la Deutsche Post (ufficio postale).

I dati sono: l'indirizzo postale, le coordinate dell'edificio, i m2, l'ampiezza del sito, l'anno di costruzione dell'edificio, il tipo di alloggio (unifamiliare o condominiale) e il numero di abitazioni. Considerando queste variabili, con il loro giusto peso, "dovrebbero e possono servire come primo punto di orientamento per la realizzazione del valore di un immobile", assicurano da Scoperty.

I proprietari hanno anche la possibilità di "ottimizzare" il valore dei propri immobili contattando l'azienda per fornire maggiori informazioni, aggiornare o precisare alcune caratteristiche o anche presentare perizie. Ma questo significa registrarsi sulla pagina utilizzando i dati personali e dimostrare di essere il proprietario. "Così come Wikipedia ha beneficiato delle pubblicazioni e della collaborazione della conoscenza della comunità, così mostreremo con la nostra offerta il mercato immobiliare in modo totalmente diverso", assicura Kasch.

Il portale, che viene definito C2C (customer to customer), offre a qualsiasi proprietario la possibilità di "verificare l'attrattività" della propria casa. Puoi contrassegnare la tua struttura come "aperta a offerte" sulla mappa di Scoperty per valutare l'interesse del mercato e aprirti a ricevere offerte non vincolanti attraverso il sistema. E' inoltre possibile etichettare l'appartamento o la casa come "in vendita" a prezzo fisso, in attesa degli interessati. Tutte queste opzioni sono gratuite per gli utenti registrati, che devono in cambio fornire i propri dati alla "startup", una controllata della banca olandese ING e della società di valutazione immobiliare Sprengnetter.

Il progetto è iniziato con una fase di test di un anno in cui sono state mostrate solo le proprietà di cinque grandi città tedesche con un mercato immobiliare particolarmente dinamico (Monaco, Francoforte, Amburgo, Berlino, Colonia e Norimberga). Ora, con i dati di "quasi tutte" le case del Paese più popolato dell'Unione Europea e il suo secondo round di finanziamento recentemente chiuso con successo (per "decine di milioni" di euro, senza ulteriori specificazioni), vengono riferiti all'intero Territorio tedesco.