Notizie su mercato immobiliare ed economia

I tagli di case più grandi si vendono sempre meno a Parigi

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

L’effetto covid sul mercato immobiliare di Parigi ha penalizzato i tagli di casa più grandi. Gli stessi che, a gennaio scorso, avevano raggiunto picchi di prezzo record e che erano i più ricercati. Ecco come il lockdown ha invertito la tendenza.

Nel dettaglio, nella capitale francese la disponibilità di case con una superficie superiore ai 90 mq è aumenta in maniera molto considerevole, basti pensare che secondo gli esperti del mercato immobiliare francese in un anno gli acquirenti di immobili dei tagli più grandi sono diminuiti di 10 volte.

Visto il momento storico che stiamo vivendo, non è difficile rintracciare le ragioni di questa repentina inversione di tendenza. Gli acquirenti stranieri, che fino a un anno fa si contendevano i grandi appartamenti della zona Ovest di Parigi hanno lasciato la città con il primo lockdown e non hanno più fatto ritorno.

Ma non è solo questo, perché sul cambio di scenario pesano anche le famiglie parigine. Anche quelle numerose, infatti, hanno congelato i progetti in cantieri di cambiare casa per trasferirsi in una più grande. L’incertezza economica, e quindi quella sul futuro lavorativa, impone scelte prudenti e conservative.

A tutto questo si aggiunge un ulteriore elemento di difficoltà per sostenere la domandi di appartamenti di oltre 90 mq, ovvero l’accesso ai finanziamenti, che via via si è andato complicando. Nonostante i tassi di interesse si siano mantenuti bassi, le banche in Francia hanno posto ulteriori strette per le condizioni di concessione del credito.

Inoltre, entrano a gamba tesa anche le nuove esigenze abitative portate alla luce durante il periodo di lockdown. La ricerca degli spazi, infatti, non è più solo interna. Così anche ci cerca una metratura più grande, non guarda agli immobili senza balconi o terrazzi, o a quelli che si affacciano su un patio interno.

Così nel centro di Parigi se un bell'immobile può ancora essere venduto a un prezzo superiore ai 15 mila euro al metro quadro, un alloggio con dei difetti a mala pena riesce a raggiungere i 13 mila euro al metro quadro.