Notizie su mercato immobiliare ed economia

1,6 milioni di madri italiane troppo povere per festeggiare

Autore: Redazione

Più di un milione e mezzo di madri italiane è sotto la soglia della povertà. Di queste, un milione ha un figlio piccolo e vive in precarie condizioni di vita tanto da avere serie difficoltà nell'arrivare a fine mese. A dirlo - alla vigilia della festa della mamma - è un rapporto di save the children sulle condizioni di poverta delle madri in Italia

L'organizzazione ha diffuso anche i dati dell'11º rapporto sul benessere materno-infantile nel mondo, classifica che colloca l'Italia al 17º posto su 160. Nel nostro paese "va tutto relativamente bene al momento della nascita - sostiene l'organizzazione - ma poi iniziano i problemi". É la povertà il problema delle mamme e dei figli italiani

La situazione più grave è vissuta delle madri sole con almeno un figlio minore: il 44% arriva a fine mese "con molte difficoltà", il 31% è in arretrato con le bollette, il 25% non ha i soldi per le spese mediche, il 21% per le spese scolastiche. Il 15,4% delle coppie con un bambino con meno di 18 anni - segnala save the children - vive in povertà. Il che significa, ad esempio, che il 16,3% delle mamme in coppia con figlio piccolo paga in ritardo almeno una delle bollette di casa mentre il 10,3% non riesce a sostenere regolarmente le spese scolastiche dei figli

Maternità significa anche meno occupazione femminile; il tasso di disoccupazione sfiora i 22 punti percentuale in più rispetto alle donne senza figli. Save the children ribadisce che la maternità può diventare causa di povertà. E il divario occupazionale cresce all'aumentare del numero dei figli: il tasso di occupazione femminile è pari al 65% in assenza di figli ma decresce al 60,6% e al 54,8% nel caso, rispettivamente, di uno e due figli, per crollare al 42,6% quando i figli sono almeno 3. In generale, in Italia vivono 4.2 milioni donne povere; 1.678.000 sono madri. Circa 1 milione di queste ha almeno un figlio minorenne: l'86,3% vive in coppia, il 7,5% è sola, il 6,2% in famiglie allargate

"Tanto più in questo periodo di grave crisi economica, il sostegno alle madri diventa cruciale e urgente se vogliamo contrastare la povertà - ha commentato Valerio neri, direttore generale per l'Italia di save the Children - è necessario procedere su un doppio binario combinando misure che agevolano l'accesso al lavoro e ai servizi, come per esempio gli asili nido che sono tutt'ora insufficienti, con il sostegno al reddito"

Nella top 10 dei paesi in cui è piú facile essere madri al primo posto troviamo la norvegia, seguita da australia, svezia, danimarca, nuova zelanda, finlandia, paesi bassi, belgio, germania. In quella dove, al contrario, si fa più fatica ad avere dei figli troviamo - partendo dal fondo - l'afghanistan, il niger, il chad, la guinea bissau, lo yemen, la repubblica democratica del congo, mali, il sudan, eritrea e la guinea equatoriale