Notizie su mercato immobiliare ed economia

La rivoluzione copernicana degli italiani: affittare è meglio che comprare

è l'anno degli affitti
Autore: lvilei

La tendenza del mercato immobiliare non lascia dubbi. Vendite ridotte del 25% e mutui crollati del 50%. Ce n'è abbastanza per capire che i conti non tornano, anche perché la domanda di casa, naturalmente, non può scomparire. Ecco perché il mercato degli affitti sarà sempre più importante per gli italiani

Ne abbiamo parlato con con isabella tulipano, responsabile per le relazioni esterne di
Soloaffitti
, Il franchising immobiliare specializzato nel mercato della locazione

Domanda. Come è cambiato il mercato dell'affitto?

Risposta. Il cambiamento è stato notevole. Con la crisi economica in generale e quella dei mutui in particolare gran parte della domanda di potenziali acquirenti si è trasformata in domanda di potenziali inquilini

D. Quali tipologie di persone sono state coinvolte in questo processo

R. Fino a sei anni fa il profilo medio di chi cercava casa in affitto era quello dei trasfertisti, single, separati o in generale di nuclei monoreddito. Adesso sono tornate le giovani coppie, ma anche le famiglie con figli. Il mercato del mono o bilocale si amplia ad appartamento per nuclei più numerosi. In alcuni casi si tratta anche di affitti di ritorno, per chi non ce l'ha fatta a pagare il mutuo

D. Qual è la novità principale?

R. Un cambiamento di mentalità: l'affitto viene vissuto in questo momento come meno vincolante, rispetto alle dinamiche del mercato del lavoro e, soprattutto, più conveniente. Durante il boom la rata del mutuo e il canone d'affitto realmente erano quasi uguali, oggi i costi dei prestiti sono fuori dalle possibilità di molti e le garanzie richieste eccessive

D. Questa nuova domanda trova un'offerta adeguata?

R. Certamente, perché anche molti proprietari si stanno spostanto verso il mercato degli affitti, dato che non riescono a vendere secondo le loro aspettative di prezzo

D. C'è stato un effetto imu sui prezzi delle locazioni?

R. All'inizio alcuni proprietari volevano aumentare i canoni per rientrare delle nuove spese determinate dall'imu, ma si trattava di una minoranza. La maggioranza sa di non poter proporre cifre che poi non si possono realisticamente pagare

D. I prezzi dunque non aumentano?

R. Al contrario, scendono, in modo magari impercettibile (tra il 2 e il 5%), ma soprattutto non aumentano

D. Perché si verifica questa diminuzione se la domanda cresce?

R. Intanto perché aumenta anche l'offerta di appartamenti disponibili. E poi perché i proprietari sono sempre più convinti che sia meglio un rendimento sicuro, piuttosto che un rendimento alto. Certo chiedono garanzie

D. Quali sono le garanzie che potete offrire ai proprietari?

R. Esistono dei prodotti assicurativi per tutelare la proprietà.  È importante poi selezionare fin dal principio e fare uno studio sulla capacità finanziaria dell'inquilino. È inutile affittare un alloggio da 800 euro a chi ne guadagna 1000. A volte è meglio percepire 50 euro al mese in meno, piuttosto che affrontare problemi o una sfratto, che in Italia è un processo lungo e costoso. Molti proprietari lo hanno capito

D. Quale sarà la tendenza innovativa per i prossimi mesi?

R. L'affitto con riscatto è la vera novità del mercato. Spesso chi va in affitto vorrebbe comprare, ma le sue condizioni oggettive non glielo permettono. Con questo contratto  si può affittare adesso e riscattare più avanti, qualora economicamente sia possibile, scalando dal prezzo finale quanto pagato fino a quel momento

 

Qui puoi trovare annunci di case in affitto nella tua zona

Articolo visto su
(idealista.it/news)