Notizie su mercato immobiliare ed economia

Campagna elettorale dell'udc svizzera contro i lavoratori italiani "rischiamo di rimanere in mutande"

Autore: Redazione

I lavoratori frontalieri italiani provenienti dalle province di Como, Varese e verbano cusio ossola rubano il lavoro agli svizzeri. Ne è convinto l'udc,  il principale partito elvetico, che in occasione delle elezioni per il rinnovo dei poteri comunali di lugano, ha costruito la sua campagna su uno slogan quanto mai esemplificativo "rischiamo di restare tutti in mutande"

Secondo gli ideatori della campagna, il problema è che i frontalieri stanno progressivamente occupando posizioni nel terziario, soprattutto nel campo della finanza, finora occupati dagli impiegati ticinesi. Non a caso solo a lugano negli uffici della piazza finanziaria lavorano oggi circa 8mila frontalieri. Secondo l'udc, l'avanzata dei frontalieri è data dal fatto che questi lavoratori accettano retribuzioni inferiori anche del 40% rispetto a quella dei lavoratori autoctoni

Posizioni xenofobo e razziste che però, pescando nel torbito e nello scontento dei lavoratori, sono riuscite a dare un discreto sucesso elettorale all'udc. E non è la prima volta che il partito elvetico punta il dito contro i frontalieri, già nel 2010, li aveva dipinti come dei topi che rosicchiavano il formaggio svizzero