Notizie su mercato immobiliare ed economia

Perché abolire l'imu è stata una completa fregatura

Autore: Redazione

L'europa ci bacchetta e il prezzo che dobbiamo pagare è l'aumento dell'iva. E anche la confindustria afferma che l'esenzione delle prime case è stata "costosa e iniqua". E non sono i soli ad affermare che, al di là dei proclami elettorali, abolire l'imu sulla prima casa è stata una completa fregatura

Non a caso già qualche giorno prima dell'approvazione del decreto sull'imu, il saggista la porta e l'economista scarfone, dalle pagine del wall street Italia, citando il ragioniere fantozzi parlavano dell'abolizione dell'imposta sulla prima casa addirittura come di una "boiata pazzesca"

-Nel 2012, l'imu sulla prima casa è valsa allo stato un gettito di 4 miliardi, pagati da quasi 18 milioni di soggetti, con una media di 225 euro a persona. Circa 3,2 milioni di contribuenti hanno versato meno di 50 euro, altri 8 milioni hanno versato meno di 200 euro. Un'imposta quindi non particolarmente esosa

- Erano necessari interventi correttivi, questo è certo, ma l'abolizione tout court, affermano i due autori "se soddisfa (e non tanto) il 73% di italiani che possiede la casa in cui abita nulla fa per il restante 27% che deve pagare un affitto. Alla fine si peggiora la disuguglianza invece di correggerla"

- Il problema che si pone non è solo quello di trovare le coperture necessarie, ma anche quello di assicurare ai comuni una fonte stabile di finanziamento. Se i trasferimenti dallo stato centrale non saranno ridotti, e i tagli alle spesa rimangono avvolti ancora nel mistero, è evidente che nonostante le assicurazioni del governo, la nuova service tax dovrà avere più o meno il gettito dell'odiata imu

- Come dimostrano le affermazioni del ministro saccomani e le schermaglie tra pd e pdl ormai sarà quasi impossibile evitare l'aumento dell'iva a partire dal primo ottobre

- Togliere l'imu sulla prima casa non costituirà un particolare incentivo per i consumi. In tempi di crisi economica, con lo spauracchio di aggravi sulle pensioni e riduzione degli incentivi per i giovani risparmiare pochi soldi di imu non spinge certo ad audaci imprese consumistiche