Notizie su mercato immobiliare ed economia

Vuoi comprare casa? Attenzione a non commettere questi 8 errori

Autore: Redazione

Anche se le condizioni congiunturali e delle proprie finanze sono buone, è importante non lasciarsi prendere da facili entusiasmi e fare attenzione a non commettere otto errori che potrebbero costare caro nell'acquisto di casa:

  1. La tempestica è tutto: è vero che i tassi dei mutui continuano a calare. Ma è anche vero che potrebbero abbassarsi ulteriormente, quindi bisogna vedere se sia il caso o meno di aspettare.
  2. Attenzione alle spese accessorie: spesso la compravendita è un'azione di tale portata che si perdono di vista particolari importanti, come appunto le spese accessorie, che invece possono avere un peso anche considerevole. Nel caso, ad esempio, che si compri un appartamento in un condominio, l'assemblea potrebbe avevr approvato delle spese che il nuovo acquirente dovrà affrontare.
  3. Peso delle imposte: al costo finale bisogna aggiungere sempre un 10% di costi aggiuntivi legati alle imposte catastali, di registro o all'Iva. Anche in questo caso, è meglio eccedere nei calcoli.
  4. Eventuali ristrutturazioni: comprare un immobile di seconda mano, anche se implica un risparmio anche notevole rispetto a una casa nuova, può nascondere insidie legati allo stato di usura degli impianti. Il sistema elettrico, l'idraulico o l'impianto di riscaldamento potrebbero avere bisogno di lavori di ristrutturazione che contribuiscono a gonfiare le spese del compratore. È quindi importante verificare bene lo stato dell'immobile.
  5. Non rincorrere sconti eccessivi: la trattativa sul prezzo può portare a sconti imporanti, nell'ordine del 10-15% rispetto al prezzo iniziale. Non bisogna però tirare troppo la corda per evitare di perdere l'affare, soprattutto nel caso in cui la casa sia stata appena messa sul mercato e ci siano altri potenziali acquirenti interessati.
  6. Attenzione al peso del mutuo: se per comprare casa è necessario acquistare un mutuo è importante valutare bene la scelta più opportuna tra fisso e variabile. Non solo, bisogna comunque considerare quali potrebbero essere gli scenari futuri ed avere sempre a disposizione delle risorse finanziarie nel caso di improvvisi rialzi dei tassi di interesse o di periodi di difficoltà economiche.
  7. Le polizze sui finanziamenti: accanto alla rata del mutuo, spesso vengono proposte delle polizze. Attenzione perché queste non sono obbligatorie, il loro costo può ascendere anche a diverse migliaia di euro e nel caso di rottamazione del mutuo vanno ristipulate e pagate da capo.
  8. Non considerare gli sgravi: se si acquista una casa da adibire ad abitazione principale si potrà usufruire di agevolazioni fiscali. Detrazioni Irpef sono previste anche sugli interessi passivi dei mutui, specialmete nei primi anni, quando la quota interessi è più alta rispetto alla quota capitale.