Notizie su mercato immobiliare ed economia

La mappa degli immobili residenziali e della loro rendita catastale nelle province italiane

Autori: @Annastella Palasciano, Alejandro Soto

Secondo le ultime rilevazioni dell'Agenzia delle Entrate, corrispondenti al 31 dicembre, le unità residenziali in Italia sono circa 34,9 milioni, con una rendita catastale complessiva di 16,9 miliardi. La mappa di idealista mostra il numero di unità residenziali e la loro rendita catastale nelle diverse province italiane.

Le unità immobiliari censite nelle categorie catastali del gruppo A, dalla categoria A/1 alla A/11 con eccezione della A/10 sono 34,9 milioni, circa 80 mila unità in più di quelle rilevate con riferimento al 2015. Nel dettaglio delle singole categorie, sono aumentate nel 2016 le abitazioni nelle categorie A/2, A/3 (abitazioni civili e di tipo economico) e A/7 (ville e villini). Sono diminuite di circa il 2% le abitazioni signorili (A/1), di quasi l’1% le abitazioni popolari (A/4) e di circa il 3% le abitazioni di tipo ultrapopolare e rurale (A/5 e A/6). 

Alle abitazioni censite al 31 dicemebre del 2016 negli archivi catastali italiani corrisponde una rendita pari 16,9 miliardi di euro, circa 83 milioni di euro in più del 201. Lo stock abitativo di proprietà delle persone fisiche presenta una rendita catastale complessiva pari a 15,6 miliardi di euro, 92% circa del totale. La rendita attribuita alle abitazioni delle PNF è pari a 1,3 miliardi di euro ed è pari poco più di 3 milioni di euro per le abitazioni censite tra i beni comuni.

Lo stock abitativo è soprattutto di proprietà delle persone fisiche, circa 32,2 milioni di unità, oltre il 92% del totale. Alle PNF risultano intestate 2,7 milioni di unità e sono poco più di 10 mila le abitazioni tra i beni comuni. Tra le categorie catastali delle abitazioni, quelle che presentano una maggior quota di unità delle PNF rispetto al dato complessivo, sono le abitazioni di maggior pregio (A/1, A/8 e A/9) e le abitazioni tipiche dei luoghi (A/11).

Sempre in termini di rendita catastale, la quota delle abitazioni di proprietà delle persone non fisiche supera il 20% per le abitazioni signorili (A/1) e assume particolare rilievo, quasi il 60%, per le abitazioni di maggiore pregio (A/9). Per le ville (A/8) e le abitazioni tipiche dei luoghi (A/11) la quota di rendita catastale delle unità delle PNF è superiore a un quarto del totale