Notizie su mercato immobiliare ed economia

Europa, dove i prezzi crescono più dei salari e comprare casa è ancora una chimera

Autore: Redazione

L'acquisto di una casa si sta trasformando in una chimera per molti giovani europei. Prezzi delle case (+4,2% nel II trimestre del 2019) che crescono più dei salari (+3,2%), uniti all'incertezza economica, hanno reso l'accesso a una prima abitazione una "sfida" sempre più ardua. Secondo il sondaggio "Homes and Mortgages", di ING, infatti, il 70% degli intervistati considera sempre più difficile comprare un'abitazione. In Italia, unico Paese in controcorrente dove i valori degli immobili continuano a scendere, siamo appena sotto la media europea, con un dato che si attesta al 65%.

Tra i Paesi più pessimisti troviamo il Lussemburgo (86%), seguito da Spagna (80%), Turchia, Romania, Regno Unito e Paesi Bassi (79%). Tra i Paesi più ottimisti troviamo invece la Polonia (56%) Francia (61%) e Germania (62%). Dal 2015, anno del primo sondaggio di ING, si assiste a un miglioramento delle prospettive di acquisto (si è passati dal 78% al 70%), grazie soprattutto alle misure del QE introdotte dalla Banca Centrale europea volte a migliorare l'accessibilità economica in molti Paesi.

Tra i fattori che rendono difficile l'acquisto di una prima casa troviamo sicuramente i prezzi (citati dal 77% dei non proprietari intervistati), seguiti dalla preoccupazione legata alla necessità di indebitarsi (70%). Nonostante oggi siamo a una situazione generalizzata di bassi tassi di interesse in quasi tutti i Paesi, rimane una preoccupazione legata alle prospettive future e l'incertezza di poter sostenere anche in futuro il rimborso del prestito.

Eppure tra acquistare e affittare, la migliore scelta rimane sempre quella della compravendita. Sette europei su dieci sono d'accordo sul fatto che possedere una casa è la miglior scelta dal punto di vista finanziario. Però ad oggi il 38% dei cittadini del Vecchio Continente non si considera capace di poter acquistare una casa.  Ciò è ampiamente avvertito nei Paesi Bassi (48%); Belgio (45%); Germania (43%); Francia (40%); Australia (39%); e il Regno Unito (39%).

Coloro che si aspettano di poter acquistare un immobile, accettano il fatto che questo grande passo affrontare questo grande passo una volta superati i 35 anni. In Italia il 23% crede di poter comprare casa una volta superati i 35 anni, mentre il 27% non si considera in grado di poter affrontare economicamente l'acquisto di un immobile.

Ma cosa c'è dietro la voglia di acquistare una casa? Coloro che già possiedono una casa, confessano che alla base della loro decisione di acquisto c'è stato un fattore emotivo: "Volevo vivere in una proprietà che possiedo" (66%); "Volevo una casa di famiglia" (33%); e "Era un mio obiettivo personale" (25%). Solo il 21% afferma di aver acquistato per mettere a reddito.