Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mercato immobiliare residenziale, come è cambiato nel 2021 regione per regione

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Segnali positivi per il mercato immobiliare. Secondo il primo Outlook Semestrale di Real Estate Data Hub, realizzato da RE/MAX Italia e Avalon Real Estate, si conferma l’andamento crescente nel comparto residenziale, dove il numero di transazioni concluse nel primo semestre 2021 è in aumento rispetto sia al 2020 sia al 2019, ritornando al trend ascendente pre-pandemia.

Secondo quanto analizzato, al di là del miglioramento in atto e delle prospettive positive rispetto al 2020, emerge in maniera chiara il cambiamento dei modelli e delle abitudini di vita e di consumo e, con essi, anche l’utilizzo di spazi, abitazioni e uffici. Le regioni che registrano un andamento virtuoso al di sopra della media sono Lombardia e Lazio. Milano e Roma si confermano città trainanti del mercato immobiliare italiano.

Tempi di vendita e locazione in calo nel 2021

A livello nazionale, i tempi medi relativi alle locazioni vedono un lieve miglioramento rispetto al 2020; migliorano in modo sensibile le tempistiche relative alle vendite, passando da una media di 168 giorni nel primo semestre del 2020 ai 141 giorni dei primi sei mesi del 2021. Nel secondo quarter del 2021, le scelte dei clienti si sono orientate prevalentemente verso i trilocali con una superficie media di 112 mq (93 mq considerando solo gli appartamenti). In entrambi i quarter, il monolocale risulta essere la tipologia meno transata.

I mutui per i giovani under 36 spingono il mercato

Tra i fattori di spinta del mercato immobiliare potrebbe esserci il Decreto Sostegni bis. Dalla sua entrata in vigore, secondo i dati elaborati dall’Ufficio Studi di 24MAX, si è registrato un deciso aumento dei mutui erogati agli acquirenti nelle fasce di età 18-24 e 25-34. Altro fattore trainante i tassi di interesse ai minimi storici. Sulla base del transato analizzato dall’Ufficio Studi di 24MAX, durante il primo semestre 2021 la percentuale dei mutui a tasso variabile è passata dal 16% al 28% e si prevede che tale tendenza possa proseguire anche nella seconda parte dell’anno.

Mercato immobiliare a Milano e Lombardia

Fra le città più attive si distinguono Bergamo, Brescia e Varese, dopo Milano. Qui le transazioni nel secondo trimestre 2021 raggiungono un livello quasi doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

A Milano si registra un costante aumento della domanda. La preferenza dei consumatori in città si orienta verso i bilocali dalle dimensioni medie di 77,3 mq, mentre i trilocali sono maggiormente apprezzati nell’hinterland. Anche i prezzi registrano un andamento crescente, ad eccezione dei monolocali per i quali cala la richiesta. In linea con la maggior propensione all’acquisto di bilocali nel capoluogo lombardo, la maggior richiesta di mutui da parte di giovani che prediligono il tasso variabile in vista di un cambio casa nel medio periodo (dati: Ufficio Studi 24MAX).

Mercato immobiliare a Bologna ed Emilia Romagna

In Emilia Romagna il numero di transazioni è aumentato rispetto al 2020. Secondo i dati di transato elaborati dal Centro Studi di RE/MAX, il 75% dei consumatori predilige immobili con più di 2 locali e una metratura media superiore ai 110 mq, che aumenta ulteriormente nelle città di Piacenza, Rimini e Parma, dove è forte la domanda di quadrilocali.

Rispetto all’anno precedente, Bologna vede un aumento della domanda di acquisto in tutto il primo semestre 2021. La preferenza dei clienti si orienta sui trilocali con metratura media di 89 mq, che aumenta in provincia. Sul fronte dei prezzi si registra un incremento del 11,5% tra il Q1 e il Q2 2021.

Cercare casa a Firenze e Toscana

In Toscana il mercato immobiliare manifesta dinamicità. Le categorie più transate riguardano immobili con più di due locali aventi una metratura media di 111 mq, che scende a 92 mq considerando solo gli appartamenti. Il dinamismo si riflette anche nei tempi di vendita, ridotti del 26%.

Per Firenze ripresa netta della domanda nel comparto residenziale con un orientamento verso immobili con più di tre locali e metratura media di 105 mq. Stabili i prezzi; in lieve aumento i tempi di vendita.

Comprare casa a Roma e nel Lazio

Nel Lazio riprende il trend di crescita con transazioni equamente distribuite nei due quarter del 2021, in rialzo rispetto agli anni precedenti. Roma traina il mercato immobiliare del Lazio, seguita da Viterbo e Latina. La regione si classifica seconda a livello nazionale, dopo la Lombardia. Le scelte di oltre un terzo dei clienti si sono orientate verso trilocali e le metrature medie degli immobili transati sono intorno ai 101 mq. Un mercato veloce, positivamente influenzato dalla domanda che supera i livelli nazionali.

A Roma, così come in tutto il Lazio, gli acquirenti preferiscono i trilocali, seguono i bilocali. In città la metratura media degli immobili transati è di 93 mq; più alta in provincia. I tempi di vendita si riducono passando da 155 a 135 giorni anno su anno, a fronte però di un lieve calo dei prezzi.

Compravendite immobiliari a Bari e Puglia

In Puglia il 2021 riprende il trend storico e mantiene la ciclicità di un secondo trimestre più forte del primo. Sono i trilocali ad avere la percentuale di richieste più alta con dimensioni medie di 103 mq.

Per le vendite, la città di Bari traina indiscutibilmente il mercato pugliese con un deciso aumento della domanda. La preferenza è per i trilocali con una metratura media pari a 102,7 mq. Nel 2021 i prezzi di vendita stanno registrando un continuo aumento, superando la soglia dei 1.800 € al mq. Da segnalare un incremento delle transazioni di immobili transati in classe A, che suggerisce una crescita dell’attenzione verso l’efficienza energetica.

Prendere casa a Catania e Sicilia

Riparte il mercato in Sicilia dove si conferma l’andamento ciclico che vede un aumento delle transazioni nel secondo trimestre rispetto al primo. In quasi tutte le province la scelta dei clienti è orientata su immobili molto ampi, con più di 3 locali. In Sicilia, infatti, gli immobili residenziali venduti hanno una metratura media superiore rispetto a quella nazionale.

A Catania cresce la domanda, con un primo trimestre molto più attivo del secondo. Gli appartamenti transati hanno dimensioni medie di 107,7 mq. In città si registra un sensibile miglioramento dei tempi di vendita: in media 158 nel secondo trimestre 2021 contro i 263 nello stesso periodo del 2020. Stabili i prezzi di vendita con una leggera diminuzione nel secondo trimestre del 2021.