Notizie su mercato immobiliare ed economia

I peggiori aeroporti d'Italia da evitare durante le Feste

Ecco in quali terminal saranno più probabili i disagi ai passeggeri

aeroporto
aeroporti e disagi nei viaggi natalizi / Gtres
Autore: Redazione

Viaggi natalizi e disagi in aeroporto: ecco quali terminal sarebbe meglio evitare in questi giorni di frenetici ritorni alle famiglie.

Oltre 14 milioni di passeggeri si muoveranno negli aeroporti Italiani nel periodo natalizio, il 6% in più rispetto al 2018. Secondo le proiezioni del portale Rimborso Al Volo, ci saranno però alcuni aeroporti in cui saranno più probabili disagi nel periodo tra il 15 dicembre e il 15 gennaio. Eccoli:  

 

passeggeri 2019 (stima)

Rimborsi 2019 (stima in euro)

Milano Malpensa

12 mila

4.3 milioni

Roma Fiumicino

8,5 mila

2.5 milioni

Napoli Capodichino

4 mila

1 milione

Venezia Marco Polo

3.8 mila

976 mila

Milano Linate

3.8 mila

956 mila

Brindisi

3.4 mila

904 mila

Bologna Guglielmo Marconi

3.3 mila

861 mila

Torino Caselle

2.5 mila

639 mila

Bergamo Orio al Serio

2.5 mila

628 mila

Catania

2.2 mila

586 mila

 

Lo scorso anno, nel periodo tra il 15 dicembre e il 15 gennaio sono stati oltre 50mila i passeggeri che hanno visto le loro vacanze rovinate da cancellazioni o forti ritardi dei voli con il totale dei rimborsi dovuti di circa 15 milioni di euro. Questo risarcimento è stato richiesto però da solo il 10% degli aventi diritto. 

Per il periodo di Natale e Capodanno i passeggeri devono aspettarsi disagi ben peggiori: quest’anno potrebbero essere più di 500 i voli coinvolti in ritardi e cancellazioni sul territorio nazionale. Quasi 70mila passeggeri potrebbero vedere le proprie vacanze rovinate o compromesse e i risarcimenti a loro dovuti supereranno probabilmente i 16 milioni di euro secondo il regolamento (CE) 261/2004 che tutela i diritti dei passeggeri in caso di negato imbarco, cancellazione volo o ritardo prolungato.

La proiezione compiuta da Rimborso al Volo ha preso in considerazione la crescita dei passeggeri negli ultimi 5 anni, dal 2014, ogni dicembre c’è stata una crescita annua pari al 6% sull’anno precedente (il picco è stato nel 2016 con crescita intorno al 10,3% nel 2015).

L’ammontare dei risarcimenti non è certo trascurabile, infatti per voli in ritardo, cancellati o in caso di overbooking, le compagnie devono corrispondere un indennizzo che va dai 250 euro ai 600 euro a passeggero in base alla distanza percorsa ed è possibile inoltrare la richiesta di risarcimento entro 2 anni dalla data del volo.