Notizie su mercato immobiliare ed economia

Tutti si scannano sull'imu, ma se letta cade a settembre si paga (video)

Autore: Redazione

E siamo a meno 20. Mentre si avvicina la scadenza del 31 agosto, entro la quale il governo dovrà decidere una volta per tutte cosa fare con la sospensione dell'imu prima casa, la situazione si scalda sempre di più, specie dopo che saccomanni ha fatto capire che non ci sono margini per una cancellazione per tutti. Dal pdl arriva il monito: sull'imposta prima casa letta si gioca la stabilità di governo. Ma il presidente dev'essersi stancato e ricorda che se cade lui, la tassa si paga, rigirando al centro destra la responsabilità politica di una simile eventualità

Letta consiglia quindi agli alleati di fare un calcolo costi-benefici prima di lanciare altri ultimatum. Sull'imu invita ''tutti a rileggersi gli impegni che ho preso nel mio discorso in parlamento'', nel quale si parlava di un superamento della tassazione sulla casa in vista di una riforma complessiva. E in effetti nel discorso di insediamento come presidente la parola usata fu proprio "superamento", non abolizione

Ma la promessa a tenere fede agli impegni in una soluzione che andrà trovata entro il 31 agosto si lega ad un chiarimento necessario. ''Per riformare l'imu serve un governo e un parlamento, se non ci fossero l'Italia pagherà le rate di settembre e dicembre'', è l'osservazione in linea con l'allarme lanciato ieri dalla cgia di mestre secondo la quale l'eventuale caduta del governo causerà 7 miliardi in più di tasse tra aumento di imu, iva e altre accise

Vediamo adesso chi gli stacca la spina?

Articolo visto su
(Agenzia)