Notizie su mercato immobiliare ed economia

La service tax parte dal 3 per mille: così spariranno imu e tares

Autore: Redazione

Il governo deve presentare entro il 15 ottobre la legge di stabilità e le ultime ore serviranno a limare alcuni conti. È il caso per esempio della
Service tax, la nuova imposta che riunirà imu e tares
, E la cui aliquota potrebbe partire dal 3 per mille fino ad arrivare a un massimo del 7,6% per le abitazioni principali e del 10,6% per le altre

La nuova service tax ingloberà sia l'imposta sul patrimonio, sia quella sui rifiuti e servizi indivisibili e avrà il compito di razionalizzare e di allegerire la tassazione sulla casa.  Potrà avere un'aliquota minima del 3 per mille o , in alternativa, 30 centesimi al m2, e l'aliquota massima non potrà superare quella attuale dell'imu: 7,6 per mille per le abitazioni principali e 10,6 per mille per gli altri immobili

Gestione comunale

Saranno i comuni a gestionare completamente l'imposta e potranno - sulla base dei costi per la gestione dei rifiuti e dei servizi indivisibili- decidere se ridurla, elevarla o azzerarla completamente per la prima casa. Avranno a disposizione, in aggiunta, di due miliardi messi a disposizione dal governo centrale, corrispondenti alla metà del gettito imu prima casa 2012

A pagare l'imposta saranno anche gli inquilini per una cifra non superiore al 30% dell'imposta totale. Ci si baserà sul principio di "chi più inquina, più paga" e l'intera imposta sarà modulata sulla base del costo del ciclo di raccolta dei rifiuti e non sull'esigenze di cassa dei comuni

Detrazioni

Per la parte relativa ai servizi, il comune potrà prevedere esenzioni e riduzioni in relazione ai redditi del contribuente e al numero dei familiari o in relazione all'abitazione principale o a quelle concesse in locazione

Come si pagherà la service tax

Secondo le indiscrezioni si pagherà direttamente ai comuni, in quattro rate, a partire da gennaio. Chi vorrà pagare l'intero importo potrà farlo a giugno