Notizie su mercato immobiliare ed economia

Tre norme in tre anni: cambia ancora l'Imu per i residenti all'estero nel 2021

pixabay
pixabay
Autore: Redazione

Non c'è pace per l'Imu sugli immobili dei pensionati residenti all'estero. Dopo la totale esenzione in vigore fino al 2019 su un solo immobile assimilato a prima casa, poi rimossa nel 2020, nel 2021 si cambia cambia ancora. Il 16 giugno i residenti all'estero che possiedono immobili in Italia potranno dare un (mezzo) sospiro di sollievo. 

La novità Imu per i residenti all'estero è arrivata nel 2021 con la legge di bilancio 2021. In base al comma 48 infatti "a partire dall’anno 2021 per una sola unità immobiliare a uso abitativo, non locata o data in comodato d’uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall’Italia"

Per ottenere la riduzione dell'Imu su una prima casa i pensionati residenti all'estero

  • devono essere titolari di una pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia e residenti in uno stato diverso dall'Italia
  • non devono necessariamente essere iscritti all'AIRE
  • possono anche non essere italiani

Inoltre la casa in questione non deve essere locata o concessa in comodato d'uso. Su questo immobile arriva una riduzione del 50% dell'imposta dovuta.

Imu prima casa residenti estero fino al 2019

Dal 2015 al 2019 l'immobile di un pensionato italiano residente all'estero è stato assimilato a prima casa e quindi esente dall'Imu. Condizioni per usufruire dell'esenzione erano le seguenti: possedere, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, una e una sola unità immobiliare che non risulti locata o data in comodato d'uso; 2) essere iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (Aire); 3) essere già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza.

Con la legge di bilancio 2020, cambia ancora la normativa sull'Imu 2020 per i residenti all'estero. Non è più prevista l'assimilazione di un immobile a prima casa e quindi tutti gli immobili posseduti in Italia sono soggetti a imposta.