Notizie su mercato immobiliare ed economia

"Intesa Sanpaolo si presenta come interlocutore unico per il cliente che cerca casa, cambiando le regole della mediazione classica"

Autore: marco todarello (collaboratore di idealista news)

L'ingresso di uno dei più importanti istituti bancari nel campo dell'intermediazione immobiliare ha portato ad una vera e propria rivoluzione, non sempre gradita, nel settore. Con la nascita di Intesa Sanpaolo Casa, il gruppo è diventato interlocutore unico per il cliente che vuol comprare casa, cambiando significatamente le regole della mediazione classica. A spiegarlo a idealista news è Stefano Barrese, responsabile sales and marketing dell'istituto di credito.

La banca come intermediatore unico per il consumatore

"Una delle caratteristiche principali di “Intesa Sanpaolo Casa” - dice Stefano Barrese è la circolarità, nel senso che ogni immobile è vendibile da qualsiasi punto della banca e da qualsiasi agente, una cosa che cambia radicalmente le regole rispetto all’intermediazione immobiliare classica. Così la banca diventa un interlocutore unico - ha aggiunto Barrese - nell’acquisto, ma anche nei servizi accessori come la ristrutturazione e infine per le coperture e le tutele sull’immobile acquistato".

Il progetto, come spiega Barrese, è nato dalla volontà di venire incontro alle esigenze dei clienti nel campo dell'intermediazione immobiliare, "perché la Banca è vista come interlocutore di fiducia". 

Mutui dedicati ai giovani under 35

Una parte dei mutui concessi da Intesa Sanpaolo è destinata ai giovani. I mututatari, "non hanno bisogno di garanzie accessorie, di una fideiussione, o della garanzia di un parente. Già oggi il 30% dei mutui che eroghiamo è destinato a giovani sotto i 35 anni"

Il progetto Casa Insieme

"Il progetto "Casa Insieme" è destinato alla vendita di immobili che non hanno un mercato, perché a volte non hanno dei "prezzi accessibili". Il meccanismo che abbiamo seguito è quello di creare per questi costruttori e per i clienti che lo vogliono un'offerta che contempla la possibilità di arrivare fino al 100% del loan to value, ma costruttore e banca danno un contributo sulla rata per rendere più semplice la vendita. In questo modo in un colpo solo riusciamo ad agevolare la vendita e non deprimere il mercato immobiliare"