Notizie su mercato immobiliare ed economia

Pensioni scuola quota 96: ultime novità

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Pensione a settembre per i quota 96, i 4mila docenti bloccati dalla riforma fornero. Come annunciato dal presidente della commissione bilancio Francesco boccia, sarebbero stati trovate le risorse necessarie, e in attesa della conferma definitiva, sarebbe arrivato anche il beneplacito del ministro del lavoro giuliano poletti

Il caso della pensione dei quota 96 riguarda la condizione di chi, già prima dell'entrata in vigore della riforma fornero, aveva già maturato tutti i requisiti per l'accesso alla pensione, ovvero 60 anni di età e 36 di servizio. A differenza degli esodati, i 4mila docenti quota 96 erano rimasti a bocca asciutta

Questo fino a pochi giorni fa, quando il presidente della commissione bilancio alla camera, Francesco boccia. Nel corso di un question time, ha annunciato che erano state trovate le coperture necessarie e che per i docenti si sarebbero aperte le porte della pensione già dall'1 settembre. Come si legge sul sito istituzionale di boccia infatti "per quattromila professori potrebbero presto aprirsi le porte della pensione. La prossima settimana sarà depositato un emendamento alla riforma della pubblica amministrazione per risolvere il caso degli «Esodati della scuola», Ribattezzato anche «Quota 96», Gli insegnanti che nel 2012 pur avendo maturato i requisiti per la pensione (36 anni di contributi e 60 di età) non avevano potuto lasciare il lavoro per una ”dimenticanza” della legge fornero. A differenza di tutte le altre categorie, infatti, l’anno lavorativo per i dipendenti della scuola non termina il 31 dicembre, ma il 31 agosto”

L'operazione avrebbe ottenuto anche il beneplacito del ministro del lavoro, giuliano poletti. Ancora mancano i dettagli dell'operazione, ma quasi sicuramente la domanda andrà inoltrata all'inps che avrà 15 giorni di tempo per analizzare l'istanza ed esprimere il suo parere

 

Articolo visto su
Agenzia