Notizie su mercato immobiliare ed economia

Ema, Amsterdam non è pronta: si riaffaccia la candidatura di Milano

Pirellone
Flickr/Creative commons
Autore: Redazione

Quando tutto sembrava perduto, si riaffaccia per Milano la possibilità di ospitare l'Agenzia Europea del Farmaco (EMA). La città scelta al ballottaggio, Amsterdam, non sembra infatti pronta ad ospitare le attività e il personale a partire dal 30 marzo 2019.

A renderlo noto è stato il proprio direttore dell'agenzia europea del farmaco, Guido Rasi. "Il palazzo finale - ha dichiarato Rasi - non sarà pronto per allora e quindi dovremo andare in una sede temporanea nella città. Questo doppio trasferimento ci costringerà a investire più risorse, e prolungherà il piano di continuità, ovvero impiegheremo di più per tornare alle operazioni normali". 

La notizia ha provocato fermento tra i palazzi del governo e di Milano. Il sindaco Sala ha infatti annunciato di essere in contatto con il Presidente Gentiloni per "valutare tutte le possibili iniziative". Fonti di Palazzo Chigi hanno fatto sapere che il governo intraprenderà ogni opportuna iniziativa presso la commissione europea e le istituzioni comuntarie competenti affinché venga riconsiderata la candidatura di Milano, battuta al sorteggio finale da Amsterdam.