Notizie su mercato immobiliare ed economia

Stati Uniti, segni di ripresa nel mercato immobiliare

I dati per il mese di maggio dalla National Association of Real Estate Agents (NAR)

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

La domanda di case negli Stati Uniti è cresciuta di nuovo a maggio dopo due mesi consecutivi in ​​cui il mercato è stato praticamente paralizzato dalla crisi sanitaria. Secondo la National Association of Realtors (NAR), l'indice che misura i contratti di vendita di case e le operazioni in sospeso è salito a un record del 44%.

L'attività del settore è stata praticamente affondata dalla crisi sanitaria causata dal coronavirus a marzo, con lo stop ai lavori, la chiusura dell'attività immobiliare e il divieto di visite alle case. Ma questo indice restituisce un po' di certezza al settore, in attesa che il peggio passi per poter chiudere le operazioni in sospeso.

"C'è stata una ripresa della capacità dei consumatori americani di firmare contratti e questo dimostra il desiderio di diventare proprietari di case", ha dichiarato Lawrence Yun, capo economista della NAR. "Questa ripresa parla anche di come il settore dell'edilizia abitativa potrebbe aprire la strada a una maggiore ripresa economica".

L'indicatore delle case in attesa di vendita è considerato un importante dato dell'attività residenziale negli Stati Uniti. Questo indice comprende i contratti immobiliari firmati per case unifamiliari, condomini e appartamenti in cooperativa, ma che non sono stati ancora chiusi.

"La crescente domanda e i bassi tassi di interesse mantenuti dalla Fed stanno attirando acquirenti nel mercato residenziale", ha dichiarato Joel Kan, vicepresidente associato per le previsioni economiche della Mortgage Bankers Association (MBA). "Anche con alta disoccupazione e grande incertezza economica, il mercato residenziale è forte."

Ma l'esperto avverte anche che l'elevata domanda e il basso stock possono far aumentare i prezzi. "Un fattore che potrebbe ostacolare la crescita nei prossimi mesi è dato dal fatto che la domanda accumulata dall'inizio di questa primavera si sta ora scontrando con la scarsa offerta di case nuove ed esistenti sul mercato", ha affermato il direttore di MBA. "È necessario aumentare lo stock per offrire agli acquirenti più opzioni e impedire che i prezzi delle case aumentino troppo rapidamente", ha affermato l'esperto.

Le persone stanno tornando al mercato, anche se le visite alle case con i famosi giorni "Open House" negli Stati Uniti non vengono effettuate in seguito alle norme sanitarie. Ma c'è chi firma pre-contratti, anche senza visitare la casa di persona.

Tuttavia i possibili focolai di coronavirus in alcune aree del Paese possono far ritardare questi segni di ripresa. "I focolai nel sud e nell'ovest potrebbero ostacolare questa tendenza al miglioramento", ha affermato Danielle Hale, capo economista del portale immobiliare Realtor. "Per ora, la domanda è ancora resiliente, ma seguiamo con attenzione i cambiamenti di tendenza", ha aggiunto.

Tutte le regioni del Paese hanno registrato aumenti dell'indice mensile delle case in attesa di vendita. L'area occidentale ha registrato il maggiore aumento, il 56% a maggio. Il Nordest ha registrato un aumento del 44%, il Sud del 43% e il Midwest del 37%. Però tutte le regioni hanno registrato una diminuzione se confrontiamo i dati con maggio 2019, tranne il Sud, che è aumentato del 2% rispetto allo scorso anno.

"Le prospettive sono migliorate in modo significativo. Le vendite di nuove case dovrebbero essere più elevate nel 2020 rispetto allo scorso anno e si prevede che le transazioni annuali di case usate diminuiranno di meno del 10%, anche dopo aver perso la stagione primaverile a causa del lockdown", ha precisato il capo economista della NAR.