Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come sono cambiati i prezzi delle case in 40 anni: a che punto siamo adesso? (grafici)

Autore: Redazione

Il mercato immobiliare degli ultimi anni è stato un ottovolante. Grandi aumenti, bolle, gonfiate e poi scoppiate, nuovi paesi emergenti e crisi dell'europa. Per fare un po' d'ordine conviene guardare al mattone in un periodo di tempo più lungo, per capire quali sono le tendenza durature. Ecco cosa è successo negli ultimi 40 anni e a che punto siamo adesso

Il settimanale the economist è solito rilevare le varaziazioni di prezzo al netto dell’inflazione. Ricordiamo che questo metodo è particolarmente interessante per un paese come l’Italia che, prima dell’ingresso nell’euro, ha vissuto stagioni di turbolenze con la lira, con episodi di iper inflazione che hanno modificato in pochi anni il valore nominale del denaro

Vediamo quindi che l’aumento reale dei prezzi dal 1975 ad oggi è stato del  44,5%. Ciò conferma la teoria che nel lungo periodo il mattone mantiene il capitale e garantisce una plusvalenza, sebbene parte di questo capitale se ne vada in realtà in tasse e spese di mantenimento. Ma trattandosi di cifre al netto dell’inflazione non ci si può lamentare

Rispetto ad alcuni colleghi europei, tuttavia, siamo dei dilettanti: la casa in francia, regno unito o spagna ha avuto dei rendimenti ben superiori al 100%. Più moderati gli stati uniti, che naturalmente nelle statistiche scontano la profonda differenza territoriale; in germania, un paese in cui i cittadini non investono troppo nelle abitazioni, il saldo è persino negativo

E oggi a che punto siamo? secondo the economist house index in italia i prezzi delle case sono gonfiati del 10% rispetto agli stipendi, una tendenza in fase discendente che augura un prossimo equilibrio

Non essendo stata l’Italia, stando ai dati del settimanale inglese, un paese di eccessi immobiliari, con la sopravvalutazione dei prezzi, dopo cinque anni di discese, i valori immobiliari sono quasi al livello degli stipendi, con un 10% di differenza. In francia (+34%), olanda (+33%) e canada (+32%) è dove invece, senza generosi mutui, comprare casa con il solo stipendio a disposizione è di fatto impossibile

Questo valore, noto come income to value, è pari a zero quando stipendi e valori immobiliari sono in sintonia

Nel trimestrale rapporto sui valori delle abitazioni nei principali paesi del mondo the economist ci colloca infatti tra quelli che, in seguito ad una decisa correzione subita, si stanno avvicinando all’equilibrio. Gli affitti, nel frattempo, stanno diventando più convenienti che mai, rispetto ai prezzi di vendita (-2%). Quest’ultimo valore, denominato rent to value, dice che valori immobiliari e valori di locazione sono in sintonia quando il loro rapporto è zero

 

per commentare devi effettuare il login con il tuo account

Commenti

Credibilità dell'articolo pari a zero

0 0
Vote up!
Vote down!

Anche io non credo che sia un articolo affidabile. A mio parere, è un articolo scritto da un piccolo agente immobiliare.

0 0
Vote up!
Vote down!

Ottimo! sta per partire la ripresa dei valori immobiliari!!!

0 0
Vote up!
Vote down!

Ottimo! sta per partire la ripresa dei valori immobiliari!!! bene ecco il fesso che inizierà a comprare case, con quali soldi non si sa, ai prezzi del 2007

0 0
Vote up!
Vote down!

Già, l'economist è notoriamente un organo di stampa delle associazioni agenti immobiliari italiane. Qualsiasi cazzata è buona pur di non accettare la realtà dei numeri.
Ridicoli

0 0
Vote up!
Vote down!

Ad anonimo delle 13:29

L'articolo non è di economist. Il grafico potrebbe essere do economist.
L'articolo è italiano, italianissino. So anche che c'è un gruppetto di agenti immobiliari che scrive per team-idealista.
Quindi una cosa "casareccia". E si capisce anche dal linguaggio usato, non certo da grande esperto internazionale.
Quindi ti consiglio prudenza nel "beverti" ciò che viene scritto.

0 0
Vote up!
Vote down!

@Anonimo 13:44
Anche a me sembra un articolo riciclato da altro forum on-line. E neanche tanto fresco!
Anche io credo sia stato scritto da un agente immobiliare nostrano.

0 0
Vote up!
Vote down!

L'economist è un periodico con credibilità internazionale , ben maggiore di quella goduta dai commentatori di questo forum; quello che scrive in materia non è frutto di opinioni ma della rilevazione di puri dati e quindi non è influenzato da interessi di bottega.
Tanto è vero che per alcuni paesi non manca di rilevare la sopravvalutazione e per altri la sottovalutazione degli immobili.
I dati macro sono quelli, poi ognuno di noi vive nella sua piccola realtà ed ha sensazioni ovviamente diverse anche a seconda della propria situazione economica e di quella della zona in cui vive , città , provincia, regione ecc...

0 0
Vote up!
Vote down!

Ad anonimo delle 13:42
Come ho scritto : l'articolo non è di ecocomist.
Si tratta di commenti "nostrani" su un articolo di economist.
Perchè non è stato pubblicato in originale con rispetto del copywright.
L'asino non vola.

0 0
Vote up!
Vote down!

Basta cliccare sul link per leggersi l'articolo originale.
Le posizioni riportate sono quelle dell'economist , che più volte, anche in passato, ha scritto sull'argomento . Comunque la tabella riporta i dati che possono piacere o meno , ma che da soli sono significativi

0 0
Vote up!
Vote down!

La matematica, ancora, per fortuna, non e' una opinione
I numeri sono numeri

0 0
Vote up!
Vote down!

Come sono cambiati i prezzi delle case in 40 anni: a che punto siamo adesso?

Rispondo io: tuguri anni '70 comprati all'epoca ( e allòra erano magari anche belli) a 90 milioni di lire.
Stessi tuguri venduti nel 2013, 250 mila euro.

Ah però... farò cosi comprerò un bilocale a 170 mila e tra 30 anni lo rivenderò a 500 mila euro, nn male come idea.

0 0
Vote up!
Vote down!

Allineati.......stipendio e prezzi case..10% di differenza............si come no........
80 mq in semi periferia romana fine anni 90' prezzi 250 milioni in lire con stipendi da 2 milioni in lire
Quindi 125 mensilita
Oggi stesso appartamento 300.000 euro e stipendio di 1300 euro pari a circa 230 mensilita'.......
W l'economist e soprattutto i suoi lettori italidioti......

0 0
Vote up!
Vote down!

Guardi che nel 1970 90milioni era una cifra enorme ! un operaio guadagnava 160.000 lire al mese, una automobile fiat 124 nuova costava lire 1,4 milioni, un caffè 100 lire, ecc... se fa il raffronto con l' inflazione intercorsa dal 1970 al 2013 la casa venduta a 250.000 euro è in perdita forte.

0 0
Vote up!
Vote down!

Negli anni '70 la gente viveva meglio... si campava bene con 200mila lire.. Le donne potevano anche nn lavorare e fare 3 figli senza sentirsi con l'acqua alla gola... oggi con 1300 euro ti ci pulisci il deretano,neanche un figl mantieni figurati se possono comprare tuguri annib'70 a 250mila euro

0 0
Vote up!
Vote down!

Vediamo quindi che l’aumento reale dei prezzi dal 1975 ad oggi è stato del 44,5%. Ciò conferma la teoria che nel lungo periodo il mattone mantiene il capitale e garantisce una plusvalenza, ahahahah, scrivere frasi del genere significa che i cari venditori ed a.i. Sostengono che la casa è un investimento sicuro! certo come no!, però riportano il falso, allora, se negli anni 80 investivo in titoli eni, avevo un rendimento molto molto piu alto, invece se investivo in titoli sicuro avrei avuto un rendimento buono a rischio quasi 0. Per quanto riguarda gli immobili l'articolo non riporta 1) costi di manutenzione dell'immobile (in 30 anni i costi sono alti) 2) tasse 3) rischio calamità naturali Certo la plus valenza c'è stata, ma io la chiamerei speculazione!secondo me se acquisto un immobile adesso e lo vendo fra 30 anni ci guadagno na lira...

0 0
Vote up!
Vote down!

Che assurdità scrivono! ma sopratutto con che cifre ricavano questi calcoli.
In Italia dove lo stipendio medio si aggira sui 1000/1500€ al mese nelle città chiedono medie dai 3000€/mq!!!!!
Sopravalutati del 200% minimo!
La casa da comperare serve ai giovani che hanno stipendi da fame, mentre i vecchi se le sono comperate con prezzi ragionevoli.
Casa di mia nonna quando l'ha comperata 40 anni or sono fa l'aveva pagata l'equivalente di 100.000€ di oggi (rivalutando circa 16 milioni di lire) venduta recentemente a 800.000€ ! Otto volte tanto!!!!!!!!
Ma perfavore! Le case in Italia sono sopravalutate del 400% rispetto al potere d'acquisto della popolazione e sopratutto dei giovani che sono quelli che hanno bisogno di comperarla per farci una famiglia, fare dei figli e dare un futuro al paese!
I prezzi alle stelle riempono le pance dei banchieri, i palazzinari, i cementificatori e politici corrotti vari.

0 0
Vote up!
Vote down!

A guido

L'articolo non è di economist, ma di qualche agentucolo immobiliare che si da arie di internazionalismo e scrive per un altro forum, dove un giorno dice che le case salgon e l'altro che le case scendono.

0 0
Vote up!
Vote down!

Articolo scritto palesemente da un palazzinaro con l acqua alla gola che cerca di convincere i giovani a comprare casa... se come no.. Stipendi da fame, giovani di 35 anni che guadagnano 1500 euro se va bene, mutui di 30 anni a 700 euro mensili ... casacce in classe g con ipe a 350 vendute a 250 mila euro... gentaglia che si crede furbetta che ti fa pagare la loro ristrutturazione fatta nel 2006... con tetti in amianto e facciate in klinker da vomito.... e allora si dai compriamo le nuove costruzioni!! belle bellissime in classe a, finiture di pregio altissimo costruite da operai africani, con bellissimi bilocali in oro 18 carati a 190 ,mila euro, più l iva e gli allacciamenti.. E ovviamente la provvigione di agenzia.. Si dai per un bilocale nuovo di 50 metri in classe a+++ non è tanto 210 mila euro.... posso sempre fare un muto di 50 anni e poi rivenderlo nel 2035 a 700mila euro...

0 0
Vote up!
Vote down!

Ti stimo con tutto il cuore!

0 0
Vote up!
Vote down!

Potete quindi candidarvi per scrivere articoli più autorevoli di quelli pubblicati su note riviste internazionali : e io che pensavo di leggere un forum per lo più di sfigati invidiosi , invece mi ritrovo in mezzo ad esperti laureati nel Michigan.

0 0
Vote up!
Vote down!

Per quello delle 19.16. Si questo e un forum di invidiosi, mattonari che non si rassegnano al fatto che i loro immondi buchi marci rimarranno lì con i tarli fino a che i prezzi non si abbasseranno del 30 per cento. Hai proprio ragione l invidia e una brutta bestia me l hanno insegnato anche all università del Congo.

0 0
Vote up!
Vote down!

@ Anonimo 19:45

Il cemento non fa tarli. Belle cose ti insegnano all'università del congo.

0 0
Vote up!
Vote down!

No non li farà il cemento ma i vostri mobili e gli infissi di legno marcio si. Guarda caso pure i negozi di mobili stanno andando in fallimento e ti vendono i divani scontati del 50 per cento perché se nessuno compra case figuriamoci i divani da 3 mila euro e cucine da 10mila.. . A te invece all università della terza età cosa hanno insegnato che i mattonari sono tutti felici e contenti e gli altri poveri cristi esemplari da estinguere perché non hanno il cerino il mano?

0 0
Vote up!
Vote down!

Anonimo 20:31.
Ci sono ottimi antitarlo : votare per berlusconi.

0 0
Vote up!
Vote down!

Anonimo 20:36
Ci sono ottimi modi per evitare di dire castronerie: tacere, dare fuoco a Berlusconi e un calcio in Kiul ai palazzinari stanchi di non vendere i loro sgabuzzini da mille lire al mq.

0 0
Vote up!
Vote down!

Ad anonimo delle 20:57
Ti invito a riflettere sulla differenza che c'è fra noi democratici veri e quelli "finti" : noi non diamo fuoco a nessuno e non diamo calci in kiul a nessuno. Eppure lo potremmo fare con tanti del tuo gruppo.
Finchè in Italia si ragionerà come te, i ricchi diventeranno sempre più ricchi ( perchè hanno già il potere ) ed i poveri sempre più poveri ( perchè non c'è democrazia matura. In francia non bruciano nessuno e non danno calci in kiul. Ma qui è nord-africa.

0 0
Vote up!
Vote down!

Dopo aver letto questo articolo il mio stipendio e il mio conto in banca si sono raddoppiati..ora posso comprar casa!!

0 0
Vote up!
Vote down!

Ammazza oh sto forum e popolato da immobiliaristi inviperiti. Si vede che lavorate tanto... passate le giornate sui forum a sparare balle. È finita la pacchia quando vendevate mattoni ladrando il popolino ? Adesso battete la fiacca e state li nei vostri uffici vuoti con le scarpe da becchino frustrati a scrivere su idealista... buon lavoro.... si fa x dire ovviamente.

0 0
Vote up!
Vote down!

Lo dico ad alta voce odio le agenzie immobiliari!!! Sto cercando casa con la mia ragazza, e quelle strozze impiegatucce delle immobiliari ti prendono anche x il culo. "Signore col suo budget bassino non ho molto da mostrarle"...mi inviano sulla mail case orrende che costano 10mila euro in meno rispetto al mio budget....quando sul loro sito hanno cose più carine a prezzo più alto....ma nn te lo dicono neanche morti.... andassero a kakare...

0 0
Vote up!
Vote down!

E tu prendi per il culo loro... falli spellare finché non ti danno ciò che cerchi, non ti arrendere! Se i palazzinari vogliono vendere i loro mattoni immondi, prima o poi caleranno le braghe!! Considera che i prezzi son stragonfiati il più delle volte. Fatti valere e pretendi ciò che vuoi, se ti fanno vedere le favelas tu di chiaro e tondo che nn e ciò che cerchi. Saranno loro poi a chamarti e se nn lo fanno amen, ci sn mille case invendute.

0 0
Vote up!
Vote down!

E tu prendi per il culo loro... falli spellare finché non ti danno ciò che cerchi, non ti arrendere! Se i palazzinari vogliono vendere i loro mattoni immondi, prima o poi caleranno le braghe!! Considera che i prezzi son stragonfiati il più delle volte. Fatti valere e pretendi ciò che vuoi, se ti fanno vedere le favelas tu di chiaro e tondo che nn e ciò che cerchi. Saranno loro poi a chamarti e se nn lo fanno amen, ci sn mille case invendute.

0 0
Vote up!
Vote down!

Fai bene a lascire perdere le agenzie immobiliari. Rivolgiti ai privati direttamente.

0 0
Vote up!
Vote down!

INteressante.
1) mi piacerebbe capire se l'income di cui parla l'economist è il reddito nominale lordo annuo prima delle tasse o quello netto post tasse. Si perche in francia e germania ad esempio c'è il quoziente familiare, per cui un mio collega francese alcuni anni fa con due figli come me mi disse che di fatto pagava un terzo delle mie tasse nosnostante un lordo simile.
2) poi sicuramente l'analisi è seria e fatta da un organo autorevole. Però di nuovo 13 anni fa io da neolaureato avevo uno stipendio di 33 milioni di lire lorde. Il mio collega francese neoassunto di 55 milioni di lire equivalenti (+ 40%), e nel frattempo le proporzioni aimè non sono cambiate.
Ora se a parità di reddito la case costano cosi care in francia vuol dire che se a Roma zona rebibbia/ casilina/ prenestina una casa civile costa 3000 euro al metro quadro, in una periferia estrema di parigi prima aumento i 3000 euro del 40%= 4200 euro metro quadro. Poi aggiungo un altro 30% (come da tabella in francia i prezzi sono del 34-35% + cari che in Italia) quindi arrivo a 5300 euo metro quadro.
Chiedo ai signori del forum: in una periferia super popolare, mal collegata, con brutta edilizia di parigia 20 km dal centro la case constano oltre 5000 euro al metro?

0 0
Vote up!
Vote down!

Spero che tu abbia letto l'articolo di economist in originale. Quello di team-idealista è una loro personale interpretazione, secondo me, di minimo pregio.avevo già letto una cosa simile tempo fa scritta su unaltro forum da un agente immobiliare del pavese, che si ritiene esperto internazionale.

0 0
Vote up!
Vote down!

Ad anonimo delle 14:32
L'articolo originale in inglese è completamente diverso da quello propinatoci qui.

0 0
Vote up!
Vote down!

E tu prendi per il culo loro... falli spellare finché non ti danno ciò che cerchi, non ti arrendere! se i palazzinari vogliono vendere i loro mattoni immondi, prima o poi caleranno le braghe!! considera che i prezzi son stragonfiati il più delle volte. Fatti valere e pretendi ciò che vuoi, se ti fanno vedere le favelas tu di chiaro e tondo che nn e ciò che cerchi. Saranno loro poi a chamarti e se nn lo fanno amen, ci sn mille case invendute.

0 0
Vote up!
Vote down!

Ci sono piccoli dettagli di cui non si tiene conto nell'articolo:
1) le considerazioni fatte si riferiscono agli ultimi 40 anni e forse, dopo 40 anni, le situazioni cambiano
2) il lavoro non c'è, o meglio ce n'è molto meno e mal retribuito: provate a sentire cosa ne pensa un neolaureato della possibilità di un contratto di lavoro a tempo indeterminato e 1.500 euro al mese.
3) le case oggi si comprano con i risparmi ma oggi la gente i risparmi li investe in modo tale ta guadagnare qualche soldo oltre a mantenerli sempre a disposizione, e questo significa che l'investimento immobiliare, diverso da acquisto per prima abitazione, non interessa proprio più nessuno.
In definitiva: chi dovrebbe comprare casa per abitarci non può farlo perché i prezzi sono totalmente al di fuori della realtà, chi ha casa e risparmi si tiene lontano dal mercato immobiliare, il tutto con buona pace di qualche cretino che, per sua personalissima convenienza, continua a dire quello che dovrebbe fare la gente con i propri soldi sostenendo per il futuro la validità di ciò che è stato cinquant'anni fa.

0 0
Vote up!
Vote down!

Ma su non disperate non potete comprare casa?? C'è sempre l affitto con riscatto!!!! Che ideona!! Pagate tipo mille euro di affitto al mese con la speranza che tra 3 anni le banche fallite vi diano il mutuo per riscattarla....è se nn sarà così che problema c'è? avrete perso 30 mila euro in 3 anni e i costruttori furbetti avranno ancora le tasche piene. Su dai giovani italiani.... c'è sempre un modo per acquistare in Italia :)))))

0 0
Vote up!
Vote down!

Su dai giovani italiani.... c'è sempre un modo per acquistare in Italia :))))) povero scemo e si che se uno con mezzo grammo di cervello deve vivere nelle condizioni che dici tu, resta in Italia. Ma guardati i dati sull'emigrazione. Vedrai che tra non molto con un numero sempre minore di contribuenti e caste che devono continuare a rubare, aumenteranno le tasse su tutto ciò che non è prima casa incluso cantine, posti auto e box, a cominciare dal primo luglio con l'iva al 22% sai quanto glie ne frega alla gente di acquistare in Italia: il problema sarà solamente di tutti coloro che saranno costretti a restarci pagando tutte le tasse che devono, vincolati ad un mutuo per i loro mattoni o costretti dalla loro incapacità di poter fare un lavoro che possa essere apprezzato in un altro paese e spiccicare due parole di inglese. Forza volpone: inizia a pagare a testa bassa, tra meno di 40 giorni quando arriveranno le bollette o andrai a mettere benzina o a fare la spesa vedrai come sarai contento di vivere in Italia... i nostri politici vanno fieri di gente come te!

0 0
Vote up!
Vote down!

Pensavo fosse chiaro che il mio commento fosse ironico... ma evidentemente il volpone sei te con un sense of humour pari a 0.

0 0
Vote up!
Vote down!

Prezzi ancora sopravvalutati del 100% non del 10%

0 0
Vote up!
Vote down!

Buongiorno a tutti.
Non intervengo mai, peró questa volta mi fanno sorridere i commenti di chi attribuisce l'articolo agli agenti immobiliare.
C'é un link all'articolo de the economist. Leggendolo si ritrovano le stesse cose. Poi le si puó discutere, per caritá.
Peró mi sembra interessante che a fare questa analisi sia un giornale di fama internazionale, probabilmente poi il caso italiano fa caso a sé.

0 0
Vote up!
Vote down!

Ridi pure, ma studia un pò di inglese.
Quello di team-idealista è il pensiero di un italiano, quasi sicuramente agente immobiliare ( idealista sembra si faccia scrivere articoli da alcuni agenti immobiliari di altri forum on-line ).

0 0
Vote up!
Vote down!

Chi dice che l'articolo dell'economist è quello del team-idealista, non conosce l'inglese.

Quello di team-idealista non corrisponde alla pseudo traduzione italiana.

0 0
Vote up!
Vote down!

Quella di team-idealista è una libera interpretazione dell'articolo di the economist.

0 0
Vote up!
Vote down!

Se uno si va a guardare l'articolo originale dell'economist trova dei grafici interessantissimi
Tra cui un profilo dll'andamento ciclico dei prezzi reali, che ha un intervallo temporale di circa 10 anni. Seguendo questo andamento, la previsione più facile e probabile è che i prezzi reali, al netto dell'inflazione cioè, continueranno a scendere per altri, come minimo, 3 o 4 anni e comunque finchè non saranno allineati al potere d'acquisto dei salari, cosa che al momento ancora non è...

0 0
Vote up!
Vote down!

Mi fa piacere vebire a sapere che qualcuno ha letto in originale l'articolo di economist e che il contenuto dell'articolo originale non corrisponde a quanto pubblicato da team-idealista, come avevo ripetetutamente detto io.
Idealista.it si appoggia, per l'Italia, ad un gruppetto di agenti immobiliari che hanno un forum on-line.
È comprensibile che questi agenti immobiliari daino loro interpretazioni all'articolo originale.

Invito tutti a mantenere la propria autonomia culturale e di pensiero, su tutti gli argomenti pubblicati sui forum che hanno padroni e fanno i loro interessi.

0 0
Vote up!
Vote down!

Come avevo già detto io, l'articolo in originale è ben diverso da quanto ammannitoci su questo forum. Bisogna andare sempre alla fonte per sapere la verità. soprattutto quando già si sa che ci sono di mezzo alcuni agenti immobiliari.

0 0
Vote up!
Vote down!

Matteo, ti ringrazio di avere confermato che l'articolo di economist dice diversamente di ciò che ha scritto team-idealista.
Mi spiace per idealista.it che dovrebbe controllare cosa scrivono quelli di team-idealista.

0 0
Vote up!
Vote down!