Notizie su mercato immobiliare ed economia

Casa in classe energetica A+: scopri le sue caratteristiche

Se la maggior parte delle costruzioni in Italia rientra nella classe energetica più dispendiosa, alcuni casi virtuosi cominciano ad affacciarsi sul mercato. Ma la strada sembra ancora in salita. Per capire meglio quali sono le caratteristiche e i benefici delle case in classe A e A+, ovvero quella che rispetta i principi di bio-edilizia e di risparmio energetico, abbiamo scambiato qualche parola con l'avv. Alberto Pingitore, amministratore della Cesarini Costruzioni Immobiliari, che ha investito proprio nell'edilizia sostenibile

Domanda. Quali sono le caratteristiche di una casa in classe energetica a+?

Risposta. Dobbiamo partire da un punto: è innazitutto necessario determinare il consumo di kwh/m2 annui. Per andare in a+ bisogna scendere sotto i 10 kwh/m2 annui. Avvicinandosi a 0 la casa comincia a diventare completamente passiva, si parla quindi di "edificio a energia quasi 0". Il ragionamento, se vogliamo, è molto banale: più a lungo si riesce a conservare all'interno dell'involucro tutta l'energia termica prodotta in casa, anche dal calore corporeo, maggiore è la prestazione energetica dell'abitazione e di conseguenza non è necessario avvalersi di impianti per il riscaldamento e il raffreddamento

D. Per far sì che ciò avvenga, nella realizzazione di un immobile cosa bisogna fare?

R. È fondamentale fare un buon involucro, che possieda caratteristiche di resistenza termica, tramite ovviamente materiali isolanti adeguati. L'involucro deve proteggere sia dal freddo che dal caldo. Il calore ha un moto convettivo: d'inverno il problema è non farlo uscire, perché l'aria calda va verso l'aria fredda e dal momento che la temperatura esterna è inferiore tutto il calore prodotto all'interno va verso l'esterno; d'estate il problema è non farlo entrare, con una temperatura interna inferiore a quella esterna l'aria calda tende ad entrare. Isolando l'involucro, quindi realizzando una barriera tra temperatura esterna e ambiente interno, si creano le migliori condizioni di comfort. In questo caso non è necessario utilizzare impianti per climatizzare l'ambiente

D. E questa barriera come può essere creata?

R. Ci sono diverse soluzioni. La più diffusa è quella che tecnicamente viene definita "cappotto termico", che può essere creato con degli spessori di materiale isolante. Oggi bisogna tener conto anche degli elementi strutturali verticali, tanto calore si disperde attraverso i balconi ad esempio, che tecnicamente vengono definiti "ponti termici". Pertanto il cosiddetto "cappotto termico" deve andare a ricoprire le strutture verticali che compongono l'edificio

D. Per la realizzazione di Borgo Sant'Andrea, la residenza in classe a+ costruita a San Giovanni Teatino (Chieti), che tipo di accorgimenti sono stati adottati?

R. In questo caso, dopo un'accurata indagine, siamo arrivati alla conclusione che coniugando l'impiego del legno lamellare per le strutture e l'utilizzo di materiali isolanti, prevalentemente di origine vegetale, si ottengono le migliori prestazioni sia dal punto di vista termico che acustico. Siamo riusciti ad andare in classe a+ utilizzando il legno lamellare con 30 cm di spessore di parete, mentre per farlo in cemento armato servono 50 cm. Ciò ha prodotto un miglioramento anche dal punto di vista architettonico, di comfort e dell'illuminazione interna, oltre che un miglioramento della traspirabilità delle pareti

D. Quali sono i benefici di una casa in classe energetica a+?

R. Innanzitutto è previsto il ricambio d'aria meccanizzato, che consente appunto un ricambio d'aria secondo quanto previsto dalla legge. Un altro vantaggio sta nel fatto che non si crea polvere all'interno dell'ambiente, questo grazie a un moto convettivo di ricambio d'aria continuo, e che il livello climatico interno rimane costante, non ci sono variazioni di temperatura durante l'arco della giornata. Non solo. Nella maggior parte dei casi - come nel mio - se le pareti interne sono isolate con lana di roccia, con adeguati spessori, si ha un isolamento acustico eccezionale. Per cui è possibile riposare benissimo. C'è, infine un grosso risparmio economico

D. Si parla anche di domotica, ovvero?

R. L'impianto domotico ha grossi vantaggi soprattutto per quel che riguarda la protezione estiva. Noi ad esempio come schermature solari abbiamo montato i frangisole, lamelle d'acciaio orientabili a forma di z che servono per tagliare il vento. Queste lamelle, grazie al sistema domotico, a seconda dell'orario durante l'arco della giornata scendono e si orientano andando a cercare l'inclinazione del sole, garantendo quindi la massima protezione anche dai raggi solari. Un altro aspetto riguarda il controllo dei carichi per gli elettrodomestici. Ciò vuol dire che è possibile dare una priorità nel consumo degli elettrodomestici e quindi chiuderli nel caso in cui si vada in fabbisogo di energia rispetto al contratto di corrente stipulato. Poi c'è il completo controllo climatico, in questo caso la novità sta nel fatto che con la domotica si può intervenire da remoto. Alla casa viene assegnato un indirizzo ip e anche quando si è in vacanza è possibile controllare se qualcosa non va

D. Le case di classe energetica a+ sono state definitivamente sdoganate o il loro futuro è ancora incerto?

R. Dal punto di vista tecnico, a livello comunitario ci sono delle normative abbastanza copiose, ma dal momento che è una questione di cui si parla ormai da quasi quindici anni non credo che lo sdoganamento avverrà mai. Il problema è che la crisi immobiliare ha creato un blocco dei cantieri, quindi un incaglio delle vendite, per cui sul mercato ci sono degli immobili non efficienti che comunque devono essere assorbiti. La strada è in salita soprattutto se non c'è un interessamento da parte degli operatori del settore. Il fatto è che l'85% delle transazioni riguarda l'usato e il timore è che ponendo particolare attenzione alle nuove costruzioni in classe energetica a+ si rischi un ulteriore crollo dei prezzi dell'usato. La situazione è un po' difficile, ma senza dubbio la riqualificazione può rappresentare una risposta.

Pubblicità:

Ottieni subito il tuo Ape con idealista

Richiedilo subito e in meno di 24h lavorative un nostro tecnico ti chiamerà per fissare un appuntamento e visitare il tuo immobile. In 48h lavorative dalla visita riceverai il tuo attestato di prestazione energetica. Sicuro, facile e veloce!

Richiedi la certificazione energetica