Notizie su mercato immobiliare ed economia

Righi (Fiaip): “La casa non può continuare ad essere un lusso per le famiglie italiane”

Autore: Redazione

“Oggi, il mercato del mattone è ancora debole e paghiamo anni di politiche fiscali ed abitative sbagliate. E’ arrivato il momento di cambiare. Bene l’eliminazione dell’imposta sulla prima casa voluta dal premier Renzi”. A dirlo il presidente nazionale Fiaip, Paolo Righi.

Righi ha spiegato: “Si è colpito il bene principe per le famiglie italiane: la casa. Dal 2012 con Monti e poi con il Governo Letta le abitazioni degli italiani sono diventate beni di lusso. Da 9 miliardi di euro la tassazione immobiliare è passata ad oltre 50 miliardi di euro. E’ arrivato il momento di cambiare, basta vessazioni. Bene, quindi, l’eliminazione dell’imposta sulla prima casa voluta dal premier Renzi. E’ il primo passo che compie l’esecutivo per ridar fiato all’immobiliare, un settore che negli ultimi anni ha perso più di 800mila posti di lavoro e che prima della crisi contribuiva al 20% del Prodotto interno lordo”

Intervenendo al programma televisivo su Rai 1 “A conti Fatti”, il presidente nazionale Fiaip ha poi fatto sapere che “sono oltre 1.200.000 gli immobili invenduti in Italia, la maggior parte sono vetusti e solo una piccola percentuale fa capo a nuove costruzioni”.

Righi ha sottolineato: “Come Fiaip da oltre 8 anni ci battiamo per il recupero del suolo pubblico e per riconvertire le vecchie abitazioni invendute. Chi dice che il mercato immobiliare non sia portatore di innovazione tecnologica o non possa offrire nuove opportunità di lavoro ai giovani appartiene alla schiera di quelle persone che non conoscono il mercato, o di quelle che nell’ultimo anno hanno cercato di spingere gli Italiani all’investimento mobiliare a discapito di quello immobiliare”.

Il presidente nazionale Fiaip ha quindi affermato: “In Italia possediamo un patrimonio immobiliare vecchio e non conforme alle normative per il risparmio energetico. Inoltre, il consumo del territorio è stato aumentato a dismisura dalla necessità dei Comuni di introitare risorse mediante le tasse di concessione”.

Fiaip sostiene l’esigenza di rinnovare, incentivare ed adeguare il vetusto patrimonio immobiliare introducendo nella filiera immobiliare tutte le nuove tecnologie per il risparmio energetico. Ciò, potrà  rendere più attraente all’investitore, anche straniero, l’acquisto di unità immobiliari.