Notizie su mercato immobiliare ed economia

Case in vendita a 1 euro, è la volta di Patrica

Wikimedia commons
Wikimedia commons
Autore: Redazione

Dopo Gangi in Sicilia, Montieri in Toscana e altri paesini sparsi da nord a sud della Penisola, è la volta di Patrica nel Lazio. Il sindaco di questo centro in provincia di Frosinone, che conta poco più di 3mila abitanti, ha deciso di mettere in vendita a 1 euro le case abbandonate che popolano il borgo, con l’incentivo di esenzioni tributarie per 3 anni. L’obiettivo: riqualificare il centro storico del paese, evitare lo spopolamento e mettere in sicurezza gli edifici abbandonati. Condizione, infatti, è che gli acquirenti si impegnino a ristrutturare i vecchi immobili.

Sul sito del Comune di Patrica si legge: “Il centro storico di Patrica, tra i più caratteristici della Ciociaria, si trova a fare i conti con un fenomeno di spopolamento ormai diffuso in tantissimi borghi italiani, belli, ricchi di tradizione, dal rilevante patrimonio artistico e naturale, che nonostante le grandi potenzialità, giacciono nel silenzio assordante dell’abbandono”.

Così il sindaco Lucio Fiordalisio lo scorso gennaio ha deciso di avviare un censimento, dal quale è emersa l’esistenza di 38 edifici che attualmente versano in condizioni di abbandono. Successivamente è stata manifestata la volontà del comune di Patrica di fungere da intermediario tra domanda e offerta per l’acquisizione da parte di privati, associazioni, imprese e società di questi immobili fatiscenti, "lasciati da anni nel più totale degrado strutturale, statico e sanitario".

L’iniziativa è stata denominata “A Patrica case a 1 euro” e darà l’opportunità di acquistare un immobile nel centro storico al prezzo simbolico di 1 euro, a coloro che si assumeranno l’impegno di realizzare sullo stesso interventi di riqualificazione.

Si procederà alla creazione di una specifica “Vetrina delle case a 1 euro” consultabile sul sito istituzionale, che conterrà una banca dati con apposito piano di comunicazione, galleria fotografica e supporti comunicativi, in modo da agevolare la circolazione delle informazioni riguardanti il progetto.